Sport, 14 novembre 2022

Lugano, eccoti la pausa più dolce possibile

La vittoria ottenuta ieri contro il Winterthur proietta i bianconeri in quarta posizione, a -2 dal Servette secondo. Sugli scudi, ancora una volta, Celar

LUGANO – YB 35 punti. Servette, secondo, 25. La classifica di Super League, per quanto concerne la lotta per il titolo, sembra bella che impacchettata: andare a prendere i gialloneri sarà praticamente impossibile nella seconda parte del campionato. I fuochi d’artificio, però, ci saranno – c’è da scommetterci – per le posizioni alle loro spalle perché se il Servette, appunto, ha raccolto fin qui 25 punti, è altrettanto vero che il San Gallo ha chiuso il 2022 a quota 24, seguito dal Lugano a quota 23! Insomma, una classifica allettante e interessantissima per la squadra di Croci-Torti che ieri ha concluso l’anno solare con un ottimo 3-1 rifilato a Cornaredo al Winterhur.
 
Gli zurighesi difficilmente si dimenticheranno dello stadio luganese, visto che in pochi giorni hanno dovuto prima salutare la Coppa Svizzera e poi hanno visto diminuire il loro vantaggio sullo Zurigo in classifica (16 punti contro 12). Ieri a decidere il confronto ci ha pensato Celar che nei primi 15’ di gioco è andato a segno in due occasioni, mettendo in ghiaccio l’esito dell’ultima sfida dell’anno, nonostante il quasi immediato guizzo di Di Giusto per gli ospiti. La rete conclusiva di Amoura, a un nonnulla dal triplice fischio finale, ha avuto il merito di far tirare un sospiro di sollievo a tutta la truppa bianconera che non può che essere soddisfatta di quanto fatto fin qui in questa prima parte di stagione. 

 
A proposito di Celar… tra infortuni e commozioni celebrali, Croci-Torti non può che coccolarsi il suo bomber, capace di siglare 8 reti in campionato, risultando il secondo miglior marcatore in questa prima fase di stagione, preceduto soltanto da Nsame dell’YB con 9 centri. Non una cosa di poco conto e di poco valore: si è sempre detto che a questo Lugano, negli anni, mancava un bomber. Un attaccante vero, capace di fare breccia contro ogni difesa. Beh… a conti fatti, ora a Cornaredo ce n’è uno.
 
 
Quarta posizione in classifica, secondo miglior capocannoniere del campionato e zona pericolosa della graduatoria a debita distanza. Non c’è che dire: la lunga pausa per il Mondiale sarà molto dolce per Sabbatini e compagni.

Guarda anche 

Svizzera al cardiopalma, ma agli ottavi ci andiamo noi

DOHA (Qatar) – Sarà Portogallo-Svizzera l’ottavo di finale che martedì ci farà tremare i polsi. Ancora una volta, insomma, la Svizzera si...
02.12.2022
Sport

Alé Svizzera: con coraggio e senza provocazioni

DOHA (Qatar) – Ci siamo. La partita che, al momento della definizione del calendario del Mondiale, era stata indicata come decisiva per le sorti della Nazionale a Q...
02.12.2022
Sport

Muore a 22 anni durante un allenamento: dramma in Argentina

SAN MIGUEL DE TUCUMAN (Argentina) – Un’autentica tragedia si è abbattuta sul calcio colombiano e argentino: a 22 anni è morto improvvisamente il...
01.12.2022
Sport

Inghilterra-USA, anno 1950: la brutta figura dei “maestri”

LUGANO - La sorprendente sconfitta dell’Argentina contro l’Arabia Saudita ai Mondiali del Qatar conferma, semmai ce ne fosse bisogno, che nel calcio come...
01.12.2022
Sport