Sport, 27 ottobre 2022

Quando la Champions League fa piangere le big…

Juventus, Barcellona e Atletico Madrid già eliminate ai gironi: l’epoca d’oro delle tre compagini sembra essere finita

LUGANO – I due giorni di Champions League hanno emesso i loro verdetti e, per alcuni, sono stati amari. Amarissimi. La fase a gironi della massima competizione europea per club ha parlato chiaro: i fasti del passato, per alcune squadre che negli ultimi 10-15 anni avevano fatto spesso la voce grossa in Europa, sembrano essere svaniti. Juventus, Barcellona e Atletico Madrid hanno dovuto salutare la Champions già al quinto turno: una debacle incredibile.
 
 
I bianconeri, che dal 2011 fino al 2020 avevano inanellato solo successi in Italia, sfiorando il trionfo europeo nel 2015 e nel 2017 sono andati a sbattere violentemente contro PSG, Benfica e addirittura Maccabi Haifa: 1 vittoria in 5 partite, 3 punti in attivo e una qualificazione all’Europa League ancora in bilico e da giocarsi contro i parigini, tendendo l’orecchio a ciò che avverrà in terra israeliana il prossimo 2 novembre. Un tonfo clamoroso! Un passo indietro incredibile di cui si avevano avute le prime avvisaglie già negli ultimi anni con Bonucci e compagni eliminati negli ottavi dal Lione (2020 sotto la guida di Sarri), dal Porto (con Pirlo in panchina) e dal Villareal (con Allegri come timoniere). In casa juventina questa volta a pesare sono state le scelte tecnico tattiche scellerate e antiche del mister livornese e la presenza in campo di alcuni veterani che sembrano ormai giunti al tramonto della loro carriera. 

 
 
Il Barcellona già lo scorso anno era stato spazzato via dalla fase a gironi dalla Champions League, surclassato dal Bayern Monaco e dal Benfica, per poi essere eliminato anche in Europa League dall’Eintracht Francoforte. Quest’anno a metterlo all’angolo sono stati sempre i bavaresi e l’Inter capace di battere i catalani 1-0 in casa e di pareggiare 3-3 al Camp Nou. Per quella che era la squadra perfetta, capace di vincere la Champions League nel 2006, nel 2009, nel 2011 e nel 2015 i tempi si sono fatti cupi, bui, anche a causa di una crisi economica senza precedenti che comunque non ha privato Xavi di campioni come Lewandowski. Ma si sa, la fame e gli anni passano per tutti e Barcellona ormai non è più quell’oasi felice che era una volta.
 
 
La Spagna però piange anche per le eliminazioni di Atletico Madrid e Siviglia. La più clamorosa, però, risulta quella dei Colchoneros capaci di raggiungere la finale di Champions League nel 2014 e nel 2016, arrivando sempre a mettere quasi le mani sul trofeo, prima di farselo fregare sul più bello dal Real (unica spagnola anche quest’anno a passare il turno) e portatori – sani – di quel modo di giocare, il “Cholismo”, che li ha contraddistinti per quasi un decennio. L’Atletico ieri ha dovuto salutare la Champions nel modo più doloroso possibile: in casa, pareggiando per 2-2, sbagliando un rigore al 98’ e colpendo una traversa sulla respinta, prima del miracolo conclusivo Hradecky. Anche per loro, così come per la Juventus, del futuro non c’è certezza: l’accesso in Europa League resta ora l’obiettivo, ma sarà tutto da conquistare negli ultimi 90’.
 
 
Insomma, anche i ricchi piangono… come titolava una famosa serie tv degli anni ’70-’80…

Guarda anche 

Smantellata cellula dell’Isis: nel mirino il Real Madrid

MADRID (Spagna) – L’Isis è tornato a minacciare la Spagna e il calcio iberico. Secondo ‘El Confidencial’, infatti, i servizi d’inform...
17.06.2024
Sport

GALLERY - Alisha Lehmann pronta a vestirsi di bianconero?

TORINO (Italia) – Alisha Lehmann è una delle calciatrici più conosciute non solo in campo, dove veste la maglia dell’Aston Villa e della Naziona...
18.06.2024
Sport

Koeman, ma cosa fai? Il gesto è imbarazzante

AMBURGO (Germania) – L’Olanda ha vinto ieri al debutto a Euro 2024, battendo la Polonia per 2-1 in rimonta. È quindi partita bene l’avventura del...
17.06.2024
Sport

Mbappé uomo simbolo. Yakin sorvegliato speciale

LUGANO - Venerdì sono scattati gli Europei. Chi li vincerà? E chi saranno le due finaliste? E la Svizzera cosa farà? Un fatto è certo: ma...
17.06.2024
Sport

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto