Magazine, 11 ottobre 2022

Sopravvissuta agli attentati a Bruxelles: ha scelto l’eutanasia a 23 anni

Nel 2016 Shanti De Corte era all’aeroporto durante gli attacchi dell’Isis e vide morire i suoi amici. Nel 2020 tentò il suicidio, la scelta del fine vita

BRUXELLES (Belgio) – Il 22 marzo 2016, Shanti De Corte, allora 17enne, si trovava all’aeroporto di Zaventem quando avvennero i due attacchi terroristici dell’Isis, il terzo avvenne in metropolitana per un totale di 35 vittime e oltre 300 feriti. Stava andando a Roma in gita scolastica con altri 90 studenti della scuola Santa Rita di Kontich, nella provincia di Anversa. Le bombe le scoppiarono vicina, alcuni suoi amici morirono al suo fianco e lei rimase illesa. Almeno fisicamente. Perché da quel trauma non si è più ripresa, tanto da chiedere l’eutanasia che le è stata concessa. La legislazione in Belgio è molto liberale e dal 2002 acconsente di accedere al fine vita anche in presenza di una “sofferenza psicologica costante, insopportabile e incurabile”.
 
 
Shanti De Corte era andata diverse volte in ospedale, continuava ad avere attacchi di panico e depressione come raccontava sui social. “Mi sveglio e prendo medicine a colazione, poi fino a 11 antidepressivi al giorno. Senza non posso vivere, ma con tutte queste pastiglie non provo più niente, sono un fantasma”. Nel 2020 aveva tentato il suicidio e più volte aveva chiesto di porre fine alla sua vita. Lo scorso 7 maggio è avvenuta l’eutanasia: con lei c’erano i suoi familiari. “È stata una vita di risate e lacrime, fino all’ultimo giorno. Ho amato e mi è stato concesso di sapere cos’è il vero amore. Me ne vado in pace. Sappiate che già mi mancate”, è stato il suo ultimo post. 

 
 
Un neurologo ha dichiarato all’emittente ‘Rtbf’ che l’eutanasia non avrebbe dovuto essere autorizzata perché alla ragazza le erano state offerte altre opzioni terapeutiche per affrontare il suo stress post traumatico. I genitori della ragazza, tramite il loro avvocato, hanno dichiarato di essere contrari alla diffusione del servizio, anche perché per loro nella ricostruzione fatta ci sono diversi errori.

Guarda anche 

Violenti scontri a Bruxelles dopo la partita tra Belgio e Marocco

Violenti scontri sono scoppiati a Bruxelles dopo la vittoria del Marocco sul Belgio ai mondiali di calcio. Più di cento agenti di polizia sono dovuti intervenir...
28.11.2022
Mondo

Due arresti per sospetto sostegno allo Stato Islamico

Due persone sono state arrestate e quattro perquisizioni sono state condotte nei cantoni di Ginevra e Vaud. I due sono sospettati di coinvolgimento o sostegno allo Sta...
02.09.2022
Svizzera

Voce narrante video Isis: canadese condannato all’ergastolo

WASHINGTON (USA) – Un jihadista canadese che ha narrato e prodotto diversi video della propaganda dell’Isis è stato condannato all’ergastolo negl...
31.07.2022
Mondo

In Svizzera solo perchè non può essere espulso, un estremista islamico insegna religione a giovani e bambini

Un islamista ex membro dell'ISIS che può rimanere in Svizzera solo perchè non può essere espulso insegna arabo e religione. Attivo nella moschea ...
12.05.2022
Svizzera