Sport, 02 ottobre 2022

A lutto per i diritti dei lavoratori: la Danimarca vola in Qatar in nero

È bufera per la terza maglia della Nazionale danese presentata in vista del Mondiale: “Sosteniamo la squadra, ma non un torneo che è costata la vita a migliaia di persona”, ha spiegato lo sponsor tecnico

COPENAGHEN (Danimarca) – Tutta nera. Nera in segno di lutto. Sarà così la terza maglia che la Danimarca porterà al Mondiale in Qatar che scatterà il 20 novembre. Con questa scelta lo sponsor tecnico della nazionale, l’Hummelsport, ha voluto inviare un messaggio di protesta in risposta a una serie di appelli lanciati da gruppi di campagna per i diritti umani contro il trattamento dei lavoratori migranti in Qatar. “Sosteniamo la nazionale danese fino in fondo, ma questo non deve essere confuso col supporto a un torneo che è costato la vita a migliaia di persone”, ha detto l’azienda. “Desideriamo fare una dichiarazione sulla situazione dei diritti umani in Qatar e sul trattamento riservato ai lavoratori migranti che hanno costruito gli stadi della Coppa del Mondo nel Paese”.
 
 
Apriti cielo, ovviamente. “Non vogliamo essere visibili durante un torneo che è costato la vita a migliaia di persone, crediamo che lo sport debba unire le persone”, ha continuato lo sponsor tecnico che sulla terza maglia danese ha affievolito il suo logo. Il comitato organizzativo non ha accolto molto bene questa presa di posizione, tanto che il Qatar ancora oggi sostiene che gli incidenti mortali, durante la costruzione degli stadi, sarebbero stati “soltanto tre”. 

 
 
“Le riforme significative adottate nel mercato del lavoro sono state riconosciute anche dall’Organizzazione internazionale del lavoro”, ha sottolineato il Comitato organizzativo. Un botta e risposta degno di nota che ha fatto ritornare in auge il delicato tema dei diritti dei lavoratori in Qatar e che sta coinvolgendo altri sponsor e marchi che stanno adottando posizioni più o meno rigide.

Guarda anche 

“Sesso con Valentino Rossi nel paddock”

TAVULLIA (Italia) – Francesca Sofia Novello in un episodio del podcast ‘Mamma dilettante’ si è confidata con Diletta Leotta su alcuni aspetti del...
25.12.2023
Magazine

Il “piccolo” Zaire cancellato dalla Jugoslavia di Dzajic

LUGANO - Zaire è il nome del paese che oggi è conosciuto come Repubblica Democratica del Congo. Si chiamò così perché fra il 1971 ...
19.12.2023
Sport

La vergogna salvadoregna si abbatte sul calcio!

LUGANO - La nazionale di El Salvador ha disputato due Mondiali in tutta la sua - invero modesta - storia calcistica. In Messico (1970) e in Spagna (nel 1982). In ent...
08.12.2023
Sport

Mineirazo, una pagina nera del futebol brasileiro

LUGANO - Quel giorno, l’8 luglio del 2014, eravamo comodamente seduti in poltrona nel nostro buen retiro carioca. Non avevamo il pass per l’attesa semifi...
04.12.2023
Sport

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto