Sport, 28 agosto 2022

Bellinzona, torna il sorriso: battuto in rimonta lo Xamax

Sul fronte pubblico si registra un nuovo calo. Si arriva a malapena a 1200 spettatori

BELLINZONA - Il Bellinzona resta nelle parti nobili del campionato, battendo in rimonta un sempre più tremebondo Xamax, ultimo della classe ancora a zero punti. Bella vittoria (anche se dal profilo del gioco sono sempre troppi gli alti e bassi), dovuta anche dai cambi di mister Cocimano. Alla pausa ha infatti inserito Chacon e Manis per Tosetti e Kasongo e la squadra ne ha beneficiato. Ma in generale tutto l’ACB è da elogiare per l’impegno profuso, anche quando sembrava che la situazione stesse precipitando. 


Nei primi 45 minuti di gioco, i granata sono stati semplicemente insufficienti. Nel gioco, nell’attitudine e nello sforzo fisico. I neocastellani, davvero modesti nel loro insieme, ne hanno perciò approfittato per passare in vantaggio con un bel gol di Koide attorno al 22esimo minuto. 0-1, e nulla da dire. I granata hanno palesato, in questa prima frazione di gioco, un’enorme difficoltà a causare delle situazioni pericolose dalle parti di Guivarch. 



Dopo il rigore fallito da Souza al 54’, ecco che il Bellinzona ha decisamente cambiato marcia e grazie al funambolico Samba colto il pareggio sette minuti dopo. A quel punto la squadra si è sbloccata mentalmente e per i romandi (guidata da Martin Rueda che sostituiva lo squalificato Binotto) è calata la notte. Grazie a Romero, esordio positivo il suo, e al solito Souza nei secondi di recupero, i locali ribaltavano la situazione e si aggiudicavano i tre punti.


Grazie a questo risultato ora l’ACB torna nelle parti alte della graduatoria, a soli tre punti dal primo posto, anche se oggi il Losanna ha la possibilità di staccare Tosetti e soci. Una posizione certamente lusinghiera malgrado le polemiche che ruotano attorno al club e al suo controverso patron, che sta facendo di tutto per alienarsi le simpatie dei fans. Inoltre: non è certo facile per lo staff tecnico amalgamare una squadra rifatta come un calzino dal mercato.


Una nota dolente infine. Al Comunale ieri erano presenti 1’147 spettatori. Che in Challenge League non sono certo malaccio. Ma se si considera che si era partiti dai 3’000 contro il Losanna e che nella Capitale il calcio è quasi una religione, beh, allora c’è da preoccuparsi. Forse a qualcuno dovrebbe venire in mente che per essere popolari ed amati non basta mettere mano al portafoglio e prendere se possibile i migliori giocatori.

ARNO LUPI

Guarda anche 

Casemiro condanna la Svizzera: il Brasile vince 1-0

DOHA (Qatar) – Se contro il Camerun ci aveva pensato Embolo a togliere le castagne dal fuoco per una Svizzera non esattamente brillante, questa volta contro un Bras...
28.11.2022
Sport

Fra il serio e il faceto, i voti ai protagonisti della settimana mondiale

LUGANO - FIFA: penosa conferenza stampa di inaugurazione di capataz Gianni Infantino (detto Al Infanthin), ahinoi candidato unico alla riconferma, e penose anch...
28.11.2022
Sport

“Mio padre, l’uomo che zittì 200 mila tifosi brasiliani”

LUGANO - Negli ultimi decenni il calcio ha perso moltissimo in Uruguay: le squadre professioniste sono quasi tutte in default, e i settori giovanili devono affidarsi...
28.11.2022
Sport

L'Ecuador sconfigge il Qatar nella partita d'esordio dei mondiali

Nella partita di inaugurazione della Coppa del Mondo 2022 l'Ecuador ha sconfitto per 2 a 0 il Qatar, paese organizzatore dell'evento. I sudamericani hanno domi...
20.11.2022
Sport