Sport, 14 luglio 2022

Caparbie e grintose, ma non basta: alla rossocrociate ora serve l’impresa

La Svizzera nell’Europeo femminile ha dovuto inchinarsi alla più quotata Svezia che si è imposta per 2-1: ora contro l’Olanda servirà una vittoria per sperare nel passaggio del turno

SHEFFIELD (Gbr) – Non è bastata una prova di cuore, grinta, voglia e testa. Non è bastato neanche aver superato e messo da parte un virus intestinale che nei giorni precedenti aveva debilitato gran parte della rosa a disposizione di Nils Nielsen. Non è bastata neanche la reazione che ha portato alla rete di Ramona Bachmann. No, perché contro la quotatissima Svezia la Nazionale elvetica si è dovuta arrendere per 2-1 nella seconda partita dell’Europeo femminile in corso d’opera in Inghilterra.
 
 
A Sheffield la Svizzera ci ha provato, ci ha creduto, ha provato a stringere le fila e a mettere la museruola alle quotatissime avversarie, ma se la scelta tattica ha pagato nei primi 45’ – che non a caso si sono chiusi sullo 0-0 – nella seconda parte della sfida il muro elvetico non ha tenuto. In realtà, già prima della partita si sapeva che sarebbe stato complicato resistere all’urto svedese ma, alla fine, un po’ di rammarico c’è. Non tanto per l’1-0 firmato Rolfö, quando per il 2-1 conclusivo della Bennison giunto a circa 10’ dalla fine. Troppo poco il tempo a disposizione di Bachmann e compagne per tentare di rimettere sui binari giusti una sfida impari. 

 
 
Ora, domenica sera, la Nazionale tornerà in campo sfidando l’Olanda, proprio quell’Olanda detentrice del trofeo. Basterebbe già solo questo per far capire quanto sarà complicato il compito delle nostre ragazze che, solo vincendo, potranno sperare in una classifica positiva, una classifica che permetterebbe loro di passare la fase a gironi. Ripetiamo, il compito non sarà semplice, ma con la voglia e la grinta mostrata ieri, l’impresa potrebbe sembrare un po’ meno impossibile…

Guarda anche 

“Paradiso: una parte molto importante della mia vita”

PARADISO - Le principali doti di Antonio Caggiano, presidente del Paradiso e municipale della Lega dei Ticinesi nel comune che sorge ai bordi del lago Cere...
07.02.2023
Sport

Lugano, c’è poco.. Di Giusto

WINTERTHUR – C’era in ballo il secondo posto e invece il Lugano si ritrova terzo e solamente a +8 sulla zona retrocessione. Che fosse un campionato di Super L...
06.02.2023
Sport

WhatsApp spodesta Migros e diventa il marchio più popolare in Svizzera

Per la prima volta, è un marchio americano a essere il più apprezzato in Svizzera. Il servizio di messaggistica WhatsApp ha infatti spodestato Migros. Il se...
02.02.2023
Svizzera

Bello, ricco e anche famoso. All’occorrenza stupratore

LUGANO - Il recente caso del calciatore Dani Alves ha scosso nuovamente le coscienze: il brasiliano - famoso, ricco, un tempo pieno di talento calcistico - è ...
02.02.2023
Sport