Svizzera, 22 giugno 2022

L'imam che auspicava la distruzione delle altre religioni sarà espulso, ma niente carcere

Il predicatore islamico che in un sermone auspicava la distruzione dei seguaci delle altre religioni è stato condannato a una pena detentiva sospesa e all'espulsione dalla Svizzera per i suoi propositi e per aver abusato dell'assistenza sociale. Può tuttavia ancora ricorrere in appello contro questa sentenza.



A sua difesa, il predicatore ha criticato il fatto che sia stato esaminato solo uno dei suoi sermoni, con passaggi estrapolati dal contesto. L'imam ha affermato che le sue citazioni in arabo sono state tradotte male: "Non ho mai detto questo. Il traduttore è un bugiardo", ha affermato durante il processo.

Oltre al sermone che gli è valso una condanna per discriminazione razziale è stato accusato di aver ricevuto illegalmente circa 45'000 franchi di assistenza sociale dal comune di Nidau, senza dichiarare né reddito né patrimonio.

Di nazionalità libica, l'uomo vive attualmente in Svizzera con un permesso C. Le autorità federali gli avevano revocato lo status di rifugiato nel 2017 dopo che si era recato ripetutamente in Libia, un Paese attualmente in preda alla guerra civile, dove vivono una delle sue figlie, due fratelli e una sorella.

L'imam ha dichiarato di non poter prevedere un ritorno sostenibile in Libia, dove sarebbe esposto all'ira dei sostenitori dell'ex leader Muammar Gheddafi. Durante il suo ultimo viaggio nella capitale Tripoli, ha raccontato, il passaporto gli è stato talvolta ritirato.

Guarda anche 

7 anni di carcere e espulsione per aver “scalpato” un uomo

Il tribunale penale di Littoral e Val-de-Travers, nel canton Neuchâtel, ha condannato uno spacciatore a sette anni di carcere per tentato omicidio, reati gravi e vi...
03.02.2023
Svizzera

Dipendente dall'assistenza, riesce a evitare l'espulsione perchè è diventato pensionato

Un pensionato spagnolo è riuscito a evitare l'espulsione dalla Svizzera grazie al ricorso presentato al Tribunale federale. Il suo cantone di residenza, Appenz...
03.02.2023
Svizzera

Condannato a 9 anni di carcere e espulsione per avere quasi ucciso la sua stessa figlia

Un cittadino iracheno di 53 anni è stato processato per tentato omicidio contro la sua figlia. Secondo l'accusa, nell'agosto 2019 l'uomo aveva scagl...
14.01.2023
Svizzera

Gli ritirano la patente per un eccesso di velocità all'estero

Nel settembre 2019 un automobilista vodese era stato ripreso guidare su un'autostrada tedesca a una velocità di 228 km/h su un tratto limitato a 120 km/h. Un m...
13.01.2023
Svizzera