Svizzera, 17 giugno 2022

"Sconti sulla benzina, partitocrazia di nuovo schierata contro i cittadini e l’economia"

La Lega dei Ticinesi, tramite un comunicato stampa, ha preso atto "con sconcerto ma senza sorpresa" della bocciatura degli sconti alla benzina decisa ieri dal Consiglio nazionale. Secondo il movimento di Via Monte Boglia, l’esplosione dei prezzi del carburante toccherebbe soprattutto le famiglie, la classe media, gli artigiani e gli abitanti delle regioni rurali.

Nello stesso comunicato la Lega accusa il "sedicente centro" PLR e PPD di essersi "accodato" alla sinistra per bocciare gli sgravi sulla benzina. Una bocciatura avvenuta mentre nei "Paesi confinanti con il nostro si fa esattamente il contrario", ciò che porta gravi difficoltà alle stazioni di benzina ticinesi.

In conclusione, "la Lega dei Ticinesi ringrazia chi si è impegnato, in particolare il Movimento Giovani Leghisti che ha lanciato la petizione a sostegno degli sgravi fiscali sulla benzina, e le oltre 3500 persone che in pochi giorni l’hanno sottoscritta".



Di seguito il comunicato integrale della Lega dei Ticinesi: 


Comunicato stampa


Sconti sulla benzina: la partitocrazia di nuovo schierata contro i cittadini e l’economia


La Lega dei Ticinesi prende atto con sconcerto, ma senza sorpresa, della bocciatura degli sconti sulla benzina anche da parte della maggioranza del Consiglio nazionale.


Questo perché il sedicente “centro” PLR – PPD si è ancora una volta accodato servilmente alla sinistra rossoverde, la quale pubblicamente gioisce per l’impennata dei prezzi del carburante.


C’è da sperare che i cittadini se ne ricorderanno alle prossime elezioni cantonali e federali, ormai non più tanto lontane.


La partitocrazia, in un momento di massicci rincari, si rifiuta dunque di sostenere i cittadini del ceto medio e basso, l’economia ed il commercio ticinese di frontiera.


Questo al contrario di quanto fanno tutti i Paesi confinanti con il nostro.


Secondo la partitocrazia, i "ricchi svizzeri" si possono permettere di pagare gli stellari rincari sul carburante (ed anche quelli sull'olio combustibile). Ciò è certamente il caso dei politicanti della casta; ma per i comuni cittadini, la musica è ben diversa.


Le stazioni di servizio italiane ringraziano e stappano lo champagne.


La Lega dei Ticinesi ringrazia chi si è impegnato, purtroppo scontrandosi con il njet della casta, per sostenere cittadini ed economia: in particolare il Movimento Giovani Leghisti che ha lanciato la petizione a sostegno degli sgravi fiscali sulla benzina, e le oltre 3500 persone che in pochi giorni l’hanno sottoscritta.


Lega dei Ticinesi

 


Guarda anche 

La Lega dei Ticinesi ricorda i 30 anni dal No allo Spazio economico europeo

*comunicato stampa Lega dei Ticinesi Sono passati 30 anni da quello storico 6 dicembre 1992, quando la maggioranza delle ticinesi e dei ticinesi disse NO allo Spazio e...
04.12.2022
Svizzera

"Visita di Mattarella in Svizzera: Cassis dimentica il Ticino"

La Lega dei Ticinesi, in un comunicato stampa trasmesso ai media, si dice "perplessa" per la scelta del presidente della Confederazione Ignazio Cassis di non in...
30.11.2022
Ticino

“Con il sì all'iniziativa risparmi fino a 350 franchi per veicolo”

Con un comunicato trasmesso ai media, la Lega dei Ticinesi esprime soddisfazione per l'approvazione dell'iniziativa del Centro per ridurre le imposte di circolazi...
30.10.2022
Ticino

"Perchè un asilante con problemi psichiatrici si trovava in giro da solo?"

L'atto di vandalismo avvenuto ieri in una chiesa di Lugano è all'origine di un'interrogazione della Lega di Lugano. L'uomo, stando alla ricostruzio...
28.10.2022
Ticino