Svizzera, 16 giugno 2022

"Le imprese svizzere devono assumere ucraini"

In una conferenza stampa tenutasi oggi pomeriggio i Consiglieri federali Karin-Keller Sutter e Guy Parmelin hanno invitato le imprese a assumere persone in fuga dall'Ucraina. "La responsabilità di consentire agli ucraini di lavorare non è tanto del governo quanto delle aziende stesse", hanno sottolineato i due consiglieri federali alla stampa a Berna. "Sono le aziende che creano posti di lavoro e si impegnano ad accogliere queste persone", ha aggiunto Parmelin.

Il vodese ha colto l'occasione per esprimere i suoi "sinceri ringraziamenti" alle aziende che hanno già trovato lavoro per i rifugiati ucraini con un permesso S. Ha auspicato che i loro sforzi siano presi "come esempio" da altri. Riferendo ciò che aveva sentito dai rifugiati, Keller-Sutter ha detto che la loro volontà di lavorare era reale. "Finché restano in Svizzera, queste persone vogliono dare un contributo, partecipare alla società", ha detto.

Il settore alberghiero e della ristorazione (306 permessi) ha assunto il maggior numero di persone provenienti dall'Ucraina. Seguono i settori della pianificazione, della consulenza e dell'informatica (226), dell'agricoltura (169) e dell'istruzione (152). Con 256 permessi, il cantone di Zurigo è in testa, seguito dai cantoni di Argovia (201) e Berna (144).

Per
il capo del Dipartimento federale di giustizia e polizia, la situazione deve essere una situazione "win-win" tra gli ucraini in cerca di lavoro e le aziende, alcune delle quali, a seconda del loro settore, sono alla ricerca di nuove "forze lavoro".

Tuttavia, Karin Keller-Sutter ha riconosciuto che ci sono due ostacoli principali: la barriera linguistica e l'assistenza ai bambini, dato che più dell'80% dei rifugiati ucraini sono donne e bambini. Per quanto riguarda la questione delle lingue, ha ricordato che l'organizzazione dei corsi è di competenza dei Cantoni, che ricevono sovvenzioni dalla Confederazione per aiutarli. I corsi di lingua possono essere avviati anche attraverso gli uffici regionali di collocamento. La sangallese ha anche invitato le aziende a essere "creative" per aggirare la barriera linguistica.

Durante la conferenza stampa i rappresentanti di tre aziende hanno spiegato cosa hanno messo in atto per gli ucraini. In particolare, Ikea Svizzera ha riferito di aver istituito un programma di stage per i rifugiati.

Karin Keller-Sutter ha annunciato di aver invitato le varie parti sociali e i cantoni a un incontro il 23 agosto. Queste discussioni consentiranno di effettuare una valutazione iniziale e di individuare ulteriori misure per rafforzare l'integrazione degli ucraini nel mercato del lavoro.

Guarda anche 

In una lettera un centinaio di ucraini denunciano le loro condizioni nel canton Berna

Con una lettera indirizzata alle autorità del canton Berna e al comune bernese di Burgdorf dove alloggiano, un centinaio di cittadini ucraini accolti in Svizzer...
28.06.2022
Svizzera

"Le sanzioni alla Russia finora non hanno raggiunto il loro obiettivo"

Le sanzioni dei paesi occidentali contro la Russia non hanno raggiunto il loro obiettivo, ossia quello di far terminare il conflitto in Ucraina. È quanto sostiene ...
06.06.2022
Svizzera

"Spero che tutti i rifugiati ucraini accolti in Svizzera possano trovare un lavoro"

La Consigliera federale e capo del Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) Karin Keller-Sutter ha visitato un ostello a Münsingen (BE) mercoledì p...
02.06.2022
Svizzera

I rifugiati ucraini potranno tornare nel loro paese senza perdere lo statuto S, "per farsi un'idea della situazione"

Da alcune settimane diversi parlamentari a Berna chiedono che la Confederazione riveda lo statuto S concesso alle persone in fuga dall'Ucraina. Il motivo principale &...
24.05.2022
Svizzera