Svizzera, 24 maggio 2022

I rifugiati ucraini potranno tornare nel loro paese senza perdere lo statuto S, "per farsi un'idea della situazione"

Da alcune settimane diversi parlamentari a Berna chiedono che la Confederazione riveda lo statuto S concesso alle persone in fuga dall'Ucraina. Il motivo principale è che la situazione sul terreno è cambiata da quando le truppe russe si sono ritirate e il conflitto si è concentrato a est e a sud del paese.

Venerdì scorso, Karin Keller-Sutter, in una conferenza stampa a Berna, ha respinto la proposta avanzata dalla consigliera nazionale Martina Bircher (UDC/AG) in Parlamento: "Non capisco su quale analisi si basi questa idea", ha detto, citata da "Le Temps". Ogni giorno, quando leggo il bollettino dei servizi segreti federali, vedo dove cadono le bombe. Recentemente è stata bombardata la città di Lviv, sebbene si trovi nella parte occidentale dell'Ucraina. Anche se la guerra si è focalizzata a Mariupol e nel Donbass
a est, il resto del Paese è ancora sotto attacco".

Il capo del Dipartimento di Giustizia e Polizia ha inoltre dichiarato: "Tutti gli ucraini possono viaggiare nell'area Schengen senza visto per 90 giorni. Li prenderemo alla fine di questo periodo e li riporteremo indietro? Ha affermato che è "inconcepibile" che la Svizzera adotti misure più restrittive in questo momento, soprattutto in relazione alla politica praticata nell'UE.

Infine, i rifugiati dalla guerra in Ucraina dovrebbero avere il diritto di tornare nel loro Paese "per farsi un'idea della situazione e per visitare le loro famiglie". Tuttavia, "se si fermano troppo a lungo, il loro statuto S sarà ritirato. La durata del soggiorno sarebbe di massimo quindici giorni, ma non è ancora stata stabilita ufficialmente dalla Confederazione.

Guarda anche 

“Guardia alta sui permessi ucraini”

LUGANO - Non è tutto oro ciò che luccica. Sebbene sia la popolazione che le autorità ticinesi si sono dimostrate solidali e pronte (meglio di al...
28.07.2022
Ticino

Prima il covid, poi la guerra. Lei ucraina, lui canadese: marito e moglie non si vedono dal 2019

KIEV (Ucraina) – Una cosa da non credere. Una storia che ha dell’incredibile: marito e moglie separati da due anni e mezzo prima dal covid, poi dalla guerra. ...
14.07.2022
Magazine

"La Russia non ha ancora cominciato a fare sul serio"

La Russia non ha "ancora iniziato a fare sul serio" in Ucraina, dove sta conducendo un'importante offensiva militare dalla fine di febbraio, ha dichiarat...
08.07.2022
Mondo

Cassis annuncia 100 milioni di franchi di aiuti a favore dell'Ucraina

La Svizzera verserà fino a 100 milioni di franchi svizzeri all'Ucraina entro la fine del 2023, raddoppiando quindi gli aiuti finora promessi. Lo ha annuncia...
05.07.2022
Svizzera