Svizzera, 19 aprile 2022

L'Ucraina critica la gestione dei rifugiati del canton Lucerna

Il canton Lucerna, a differenza degli altri cantoni, punta su alloggi collettivi per collocare i rifugiati provenienti dall'Ucraina. Sono alloggiati in strutture sotterranee della protezione civile o di spaziose sale in cui vengono posti numerosi letti. Con questo tipo di alloggio, le persone che sono fuggite possono vivere in una comunità. Un vantaggio, secondo le autorità del cantone della Svizzera centrale. "In questo modo stanno con persone che parlano la loro stessa lingua e che hanno un vissuto simile", dice Silvia Bolliger, responsabile del servizio di asilo e rifugiati, interpellata dal Blick.

Una decisione che però ha fatto reagire il governo ucraino. Tetiana Lomakina è una degli stretti consiglieri del presidente Volodymyr Zelensky, spiega il Blick, il cui compito principale è quello di creare corridoi umanitari, evacuare le città e portare gli ucraini in zone sicure. Sebbene sia grata per il sostegno e le cure che i suoi compatrioti hanno ricevuto, è irritata dal fatto che Lucerna preferisce ospitare i rifugiati in alloggi di massa e rifiuta le offerte dei privati.


"Siamo particolarmente grati ai cittadini attivi che sono disposti ad accogliere i rifugiati ucraini nelle loro case e nelle loro famiglie", dice. Contrariamente alle argomentazioni del cantone di Lucerna, Lomakina ritiene che è il contatto con la popolazione svizzera che permette ai rifugiati di adattarsi più rapidamente al loro nuovo ambiente. "In questo modo, i nostri cittadini possono sentirsi al sicuro e riprendersi dagli orrori della guerra, spesso segnati da lunghe giornate e notti passate nei rifugi antiaerei dove temevano per la loro vita", ha concluso.

Dall'11 aprile a oggi, 541 persone fuggite dall'Ucraina erano alloggiate in alloggi collettivi nel cantone di Lucerna e 571 si trovavano in alloggi privati, precisano le autorità cantonali.

Guarda anche 

“Guardia alta sui permessi ucraini”

LUGANO - Non è tutto oro ciò che luccica. Sebbene sia la popolazione che le autorità ticinesi si sono dimostrate solidali e pronte (meglio di al...
28.07.2022
Ticino

Prima il covid, poi la guerra. Lei ucraina, lui canadese: marito e moglie non si vedono dal 2019

KIEV (Ucraina) – Una cosa da non credere. Una storia che ha dell’incredibile: marito e moglie separati da due anni e mezzo prima dal covid, poi dalla guerra. ...
14.07.2022
Magazine

Condannato al carcere e espulsione per una lista impressionante di reati

Il tribunale penale di Lucerna ha condannato un cittadino spagnolo di 22 anni per un totale di undici capi d'accusa. Fra questi figurano furto, rapina, ingiuria, c...
09.07.2022
Svizzera

"La Russia non ha ancora cominciato a fare sul serio"

La Russia non ha "ancora iniziato a fare sul serio" in Ucraina, dove sta conducendo un'importante offensiva militare dalla fine di febbraio, ha dichiarat...
08.07.2022
Mondo