Sport, 29 marzo 2022

Burak Yilmaz «addio nazionale»: la follia turca, spari alla tv mentre sbaglia il rigore

L’attaccante ha deciso di ritirarsi dalla nazionale dopo l’errore decisivo contro il Portogallo: “Lo sognerò ogni notte”. E sui social apparare un video sconcertante

ISTANBUL (Turchia) – Burak Yilmaz ha detto stop: non vestirà più la maglia della nazionale turca e l’annuncio è stato dato nel momento più nero della carriera del bomber del Lille che, dopo aver segnato il 2-1 della speranza contro il Portogallo, giovedì scorso nel playoff di qualificazione al Mondiale, ha fallito il rigore del possibile pareggio nei minuti finali. Un errore che al giocatore è valso un feroce video da parte di alcuni folli tifosi, delusi a tal punto da sparare allo schermo tv dopo il tiro sbagliato, in direezione dello stesso Yilmaz.
 
 
Lui che ha giocato per la Turchia per 16 anni consecutivi, debuttando nel 2006 e collezionando 77 presente e 31 reti, diventando il secondo bomber di sempre per la sua nazionale, dietro soltanto a Hakan Sukur. Una vera e propria icona, ma ormai la sua figura verrà ricordata – il calcio è crudele – più per l’errore contro i lusitani che per quanto di buono fatto in carriera. 

 
 
Di crudele e macabro, però, c’è anche un video apparso sui social: si vede la ripresa in diretta di un salotto dove si sta assistendo alla partita e si vede il momento del rigore: si assiste al tiro di Yilmaz, la palla che vola sopra la traversa insieme alla disapprovazione di chi si trova davanti alla tv che, pistola in pugno, spara verso lo schermo proprio mentre si vede il primo piano del giocatore mettersi le mani sul viso…. Proprio quel Yilmaz che nei giorni successivi ha dichiarato: “Il mio obiettivo era segnare quel rigore, non ho mai pensato di sbagliarlo. Mi dispiace per tutti i tifosi, penso che mi sveglierò ogni notte per il resto della mia vita pensando di segnarlo”.

Guarda anche 

I premi per il Mondiale? Tutti in beneficenza

MONACO DI BAVIERA (Germania) – Il Canada, per la prima volta da Messico ’86, si è qualificato per il Mondiale di calcio che si terrà da novembre...
05.08.2022
Sport

Bottani illumina, il Lugano non brilla ma rialza la testa

WINTERTHUR – Per il calcio spettacolo, prego ripassare (non che l’anno scorso il Lugano fosse spumeggiante, in effetti), ma viste le prime due sconfitte in ca...
01.08.2022
Sport

Gianluca Pessotto, il dramma di un calciatore perduto

TORINO (Italia) - Il 27 giugno 2006 l’Italia calcistica è nella bufera: l’inchiesta dei magistrati ha appena scoperchiato un sistema di corruzione...
29.07.2022
Sport

Rivoluzione inglese: colpi di testa banditi, fino a 12 anni solo col pallone ai piedi

LONDRA (Gbr) – Se non è una rivoluzione, poco ci manca. Specie per il calcio inglese, vigoroso, spigoloso, fisico, in cui il colpo di testa è quasi un...
28.07.2022
Sport