Sport, 29 marzo 2022

Burak Yilmaz «addio nazionale»: la follia turca, spari alla tv mentre sbaglia il rigore

L’attaccante ha deciso di ritirarsi dalla nazionale dopo l’errore decisivo contro il Portogallo: “Lo sognerò ogni notte”. E sui social apparare un video sconcertante

ISTANBUL (Turchia) – Burak Yilmaz ha detto stop: non vestirà più la maglia della nazionale turca e l’annuncio è stato dato nel momento più nero della carriera del bomber del Lille che, dopo aver segnato il 2-1 della speranza contro il Portogallo, giovedì scorso nel playoff di qualificazione al Mondiale, ha fallito il rigore del possibile pareggio nei minuti finali. Un errore che al giocatore è valso un feroce video da parte di alcuni folli tifosi, delusi a tal punto da sparare allo schermo tv dopo il tiro sbagliato, in direezione dello stesso Yilmaz.
 
 
Lui che ha giocato per la Turchia per 16 anni consecutivi, debuttando nel 2006 e collezionando 77 presente e 31 reti, diventando il secondo bomber di sempre per la sua nazionale, dietro soltanto a Hakan Sukur. Una vera e propria icona, ma ormai la sua figura verrà ricordata – il calcio è crudele – più per l’errore contro i lusitani che per quanto di buono fatto in carriera. 

 
 
Di crudele e macabro, però, c’è anche un video apparso sui social: si vede la ripresa in diretta di un salotto dove si sta assistendo alla partita e si vede il momento del rigore: si assiste al tiro di Yilmaz, la palla che vola sopra la traversa insieme alla disapprovazione di chi si trova davanti alla tv che, pistola in pugno, spara verso lo schermo proprio mentre si vede il primo piano del giocatore mettersi le mani sul viso…. Proprio quel Yilmaz che nei giorni successivi ha dichiarato: “Il mio obiettivo era segnare quel rigore, non ho mai pensato di sbagliarlo. Mi dispiace per tutti i tifosi, penso che mi sveglierò ogni notte per il resto della mia vita pensando di segnarlo”.

Guarda anche 

GALLERY – “Ti invidiamo….”

TORINO (Italia) – Lei incanta sui social con la sua bellezza e sensualità, lui sui campi di Serie A – dopo un esordio da urlo da 17enne, fatica a trova...
25.02.2024
Sport

Calcio in lutto: è morto Andreas Brehme

MONACO DI BAVIERA (Germania) – Una triste notizia è giunta questa mattina dalla Germania: il calcio piange la morte di Andreas Brehme, che si è spento...
20.02.2024
Sport

FC Paradiso, il sogno continua

PARADISO - Antonio Caggiano è un presidente felice. Il suo Paradiso, club che dirige con successo da 22 anni, è pronto a presentare la licenza per...
22.02.2024
Sport

Un rosso di troppo e il Lugano si lecca le ferite

GINEVRA – Si sperava, in casa Lugano, che l’effetto Europa si facesse sentire sul Servette, reduce dalla sfida di giovedì sera contro il Ludogorets nei...
19.02.2024
Sport

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto