Svizzera, 16 marzo 2022

Un Consigliere nazionale socialista vuole più stranieri in tv, "SSR televisione per svizzeri"

La televisione svizzera sarebbe una "televisione per svizzeri". Questa è l'opinione del consigliere nazionale Mustafa Atici (PS/BS), secondo cui le persone con radici o passaporti stranieri sono viste troppo raramente. "Il 38% della popolazione è immigrato come me o entrambi i genitori sono nati all'estero. Pagano anche loro le tasse di Serafe - ma non ne beneficiano abbastanza", sostiene il deputato socialista di origine curda.

Ecco perché Atici ha lanciato una mozione in parlamento chiedendo più diversità alla SSR. "Sono necessari più migranti in televisione e alla radio", dice il consigliere nazionale. 14 consiglieri nazionali del PS hanno cofirmato l'iniziativa di Atici.

In particolare, chiedono al Consiglio federale di fare pressione sulla SRF e le altre emittenti della SSR per riferire di più su ciò che interessa la popolazione migrante. Atici suggerisce, per esempio, che la SSR collabori con media come Albinfo, un portale di notizie per la diaspora albanese in Svizzera. Il consigliere nazionale del PS chiede anche alla SSR di avere più persone con radici straniere davanti alla telecamera o al microfono.


Il SSR è obbligato a "prendere in considerazione" le persone con un passato di migrazione nel suo rapporto. Questo è dichiarato nella concessione federale. "Penso che questo debba essere attuato in modo più coerente", dice Atici.

La necessità di agire è stata resa chiara dal Covid. "Ha dimostrato che i nostri media non raggiungono gran parte della popolazione migrante perché non si sentono rappresentati". Invece, ha detto, si sono informati principalmente attraverso i media stranieri, alcuni dei quali non sono indipendenti e il cui contenuto dovrebbe quindi essere preso con un grano di sale.

È estremamente importante che la diversità della società sia rappresentata nei media, afferma Atici interpellato dal Blick. Nella sua mozione, critica il fatto che c'è troppo poca diversità negli organi di gestione della SSR. Questo non riguarda solo l'origine. Sette degli otto membri del comitato esecutivo sono uomini.

Interpellata dal Blick, la SSR non vuole commentare la proposta specifica e le richieste provenienti dei ranghi del PS. Per il portavoce Edi Estermann "l'obiettivo è che la SSR si rivolga a tutte le persone in Svizzera con le sue offerte, indipendentemente da sesso, età, origine, religione, orientamento sessuale, menomazioni o modelli di vita".

Allo stesso tempo, dice Estermann, la SRG vuole anche essere un datore di lavoro attraente per tutte le persone - "indipendentemente dalle loro caratteristiche personali". Non è possibile dire quanti dei dipendenti della Radiotelevisione svizzera abbiano un passato di migrazione. Secondo la SSR, sono rappresentate 32 nazionalità.

Guarda anche 

La SSR condannata per aver censurato dei commenti anti-Covid

Il Tribunale federale (TF) ha dato ragione a un'internauta svittese che ha deciso di lottare fino in fondo dopo che un suo commento sull'account Instagram dell...
30.11.2022
Svizzera

Iniziative da sostenere

Domenica prossima i ticinesi avranno la possibilità di esprimersi sul primo (e con ogni probabilità unico) sgravio fiscale della legislatura: quello sull&rs...
23.10.2022
Ticino

Il canone radiotelevisivo mantenuto a 335 franchi per i prossimi due anni

Il canone radiotelevisivo rimarrà invariato per i prossimi due anni. L'importo rimarrà di 335 franchi per ogni economia domestica nel 2023 e 2024, ha...
08.09.2022
Svizzera

Lanciata la raccolta firme per ridurre il canone radiotelevisivo a 200 franchi

Il comitato dell'iniziativa "200 franchi bastano!", che mira a ridurre il costo del canone radiotelevisivo in Svizzera a un massimo di 200 franchi all'a...
31.05.2022
Svizzera