Sport, 14 marzo 2022

Ambrì, la sera della verità. Lugano, a chi tocca?

I leventinesi questa sera, senza McMillan e Grassi, dovranno recuperare gli ultimi 2 punti al Berna per centrare quei pre playoff, che disputeranno i bianconeri, che sembravano ormai svaniti

AMBRÌ – Ambrì-Rapperswil e Berna-Losanna: passa da qui il futuro prossimo dei leventinesi che questa sera hanno l’occasione di continuare un sogno. Un sogno che soltanto qualche settimana fa era pura utopia: con una squadra capace di perdere 20 volte in 26 partite disputate, e con una media punti assolutamente deficitaria, la stagione dei biancoblù sembrava bella che finita soltanto 14 giorni fa e invece… invece i ragazzi di Cereda hanno iniziato a correre, mentre il Berna ha continuato a marciare sul posto. I due scontri diretti, vinti entrambi da Pestoni e compagni (una volta ai rigori), hanno rimescolato tutto e questa sera il verdetto verrà emesso.
 
 
Berna 65 punti, Ambrì 63. Si parte da qui alle 19:45 e tutto può succedere. I leventinesi dovranno fare a meno degli squalificati McMillan e Grassi – l’esclusione di quest’ultimo, anche se controversa da regolamento è giusta – per cercare quantomeno di recuperare 2 punti all’Orso: in caso di arrivo a pari punti, infatti, i biancoblù sono avanti negli scontri diretti. Ci vorrà una grande prestazione, anche perché fin qui in stagione i Lakers hanno spesso impressionato e la loro classifica – con tanto di terza posizione – è lì a confermarlo. I sangallesi non hanno praticamente nulla da chiedere alla classifica, o quasi, visto che a quota 94 punti in graduatoria ci sono anche il Friborgo (con una media punti nettamente più alta) e i Lions che sono indietro negli scontri diretti. A differenza, invece del Losanna, che andrà a Berna col coltello tra i denti. 

 
 
I vodesi con una vittoria potrebbero assicurarsi uno dei primi sei posti in classifica, evitando così i pericolosissimi pre playoff… da Berna, insomma, potrebbero arrivare notizie importanti sia per l’Ambrì che per il Lugano che, scendendo in pista a Bienne, potrebbe definire il suo futuro prossimo. Fermando in Seeladers, ecco che il Losanna (e forse anche il Ginevra) potrebbero sorridere e ringraziare Arcobello e compagni, superando proprio il Bienne e, perché no, anche il Davos.
 
 
Insomma, tutto è ancora da definire per le due compagini ticinesi che però dovranno affrontare la serata con defezioni importanti. Chi sta messo peggio è indubbiamente il Lugano: Walker ha finito la stagione e per i pre playoff ci sarà da valutare diversi problemi fisici, come quello di Thürkauf, di Riva, di Müller, di Josephs e di Vedova. Insomma… McSorley ha delle belle gatte da pelare.

Guarda anche 

In una lettera un centinaio di ucraini denunciano le loro condizioni nel canton Berna

Con una lettera indirizzata alle autorità del canton Berna e al comune bernese di Burgdorf dove alloggiano, un centinaio di cittadini ucraini accolti in Svizzer...
28.06.2022
Svizzera

Si chiama Match of Week: si gioca la domenica sera

LUGANO - Il massimo campionato di hockey scatta il prossimo 14 settembre (e la regular season chiude il 4 marzo 2023): si parte con Lakers-Zurigo, una sorta di antip...
28.06.2022
Sport

“In casa Bellinzona tutto appare piuttosto nebuloso”

È fuori dal calcio che conta dal 2008, da quando portò il Bellinzona nella massima serie assieme a Marco Degennaro e Vladimir Petkovic e sfiorò la...
26.06.2022
Sport

Alfio Molina: “Se sono bravi, ben vengano”

LUGANO - L’ex portiere del Lugano, il leggendario Alfio Molina, è curioso di vedere all’opera Mikko Koskinen il nuovo estremo difensore ...
21.06.2022
Sport