Svizzera, 07 marzo 2022

Cassis ammette aver comunicato male sulle sanzioni alla Russia

Criticato da più parti per la sua gestione della crisi ucraina, il Consigliere federale Ignazio Cassis riconosce, in un'intervista pubblicata domenica dal "SonntagsBlick", aver commesso "errori di comunicazione" per aver fatto prima credere che la Svizzera non avrebbe ripreso le sanzioni UE alla Russia per poi, qualche giorno dopo, fare marcia indietro. Al SonntagsBlick Ignazio Cassis risponde che, prima di aderire alle sanzioni, "il Consiglio federale doveva trovare un modo per andare il più lontano possibile, senza violare la neutralità e lasciando alla diplomazia il maggior spazio di manovra possibile". Il presidente della Confederazione ammette, tuttavia, che giovedì scorso "il Consiglio federale non è riuscito a far capire le sue decisioni sulle sanzioni". Siamo sempre più intelligenti dopo il fatto", ha aggiunto il direttore del DFAE.

Ma Cassis nega che il Consiglio federale non abbia capito la portata degli eventi, poiché ha dichiarato che "la Svizzera condanna l'azione della Russia nei termini più forti possibili". "La Svizzera non condanna una grande potenza 'nei termini più forti' senza sapere cosa questo possa significare", ha detto. Tuttavia, l'attuazione
delle sanzioni richiedeva ancora un chiarimento.

Secondo lui, "la maggioranza dei paesi europei considerava un'invasione militare di tutto il paese come l'opzione più improbabile". Con l'eccezione degli americani, che furono gli unici a mettere in guardia contro una guerra, ma che furono criticati per questo. Per Ignazio Cassis, tutta l'Europa "è partita con il piede sbagliato. Probabilmente perché abbiamo creduto per 77 anni che le guerre interstatali fossero finite. Poi è stata creata l'UE e anche l'ONU. Una guerra in Europa come possibile realtà non era più tenuta in conto".

Il capo del Dipartimento federale degli affari esteri riferisce anche che "finora" la reazione della Russia alla ripresa delle sanzioni UE da parte della Svizzera è stata "molto riservata". L'unica reazione è stata che il suo spazio aereo è stato chiuso agli aerei svizzeri dopo che Berna ha chiuso lo spazio aereo svizzero agli aerei russi.

Alla domanda se Vladimir Putin sia un criminale di guerra, Ignazio Cassis ha detto che spetta ai tribunali decidere, in questo caso la Corte penale internazionale. La Svizzera "sostiene iniziative che stanno raccogliendo le prove" dei suoi crimini di guerra, ha spiegato.

Guarda anche 

Una decisione di Cassis suscita collera all'interno del suo dipartimento

La notizia ha avuto l'effetto di una bomba all'interno della Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC) a Berna: il Dipartimento federale degli affari es...
21.05.2024
Svizzera

Una lettera della Svizzera alla NATO crea imbarazzo in parlamento

Una lettera firmata dagli ambasciatori di quattro paesi neutrali, tra cui la Svizzera, e che chiede una più stretta cooperazione con i paesi della NATO sta creando...
14.05.2024
Svizzera

“La Conferenza sull'Ucraina mostrerà l'impotenza dell'Occidente, grazie Svizzera!”

Il 10 aprile scorso il Consiglio federale ha annunciato che il 15 e 16 giugno si terrà a Bürgenstock la conferenza di pace sulla guerra in Ucraina. Per l'...
04.05.2024
Svizzera

Fra i veicoli catturati dalla Russia anche un camion dell'esercito svizzero

La Russia si prepara per commemorare il Giorno della Vittoria, ossia l'anniversario della vittoria dell'Unione sovietica sulla Germania nazista. Tra i festeggiame...
01.05.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto