Sport, 18 febbraio 2022

“Il vaccino? Mai dire mai, non escludo di farlo”. Djokovic ci ripensa, forse…

Il tennista serbo ha rilasciato un’intervista alla tv nazionale serba RTS

BELGRADO (Serbia) – Quella folle settimana di Melbourne, la sua assenza agli Australian Open e la vittoria di Rafael Nadal che gli ho scippato il record di Slam vinti (che apparteneva anche a Roger Federer) ha fatto parlare di sé. Tanto, tantissimo, anche più del tennis giocato: il suo allontanamento dal Paese per la mancanza del vaccino contro il covid ha fatto ovviamente il giro del mondo e lo stesso Nole, a distanza di poche settimane dalle sue ultime dichiarazioni, è tornato a parlare. Questa volta ai microfoni della tv nazionale serba, “RTS”.
 
 
“Mi chiamano Novaxx? Nel corso della mia carriera mi sono abituato a essere chiamato in molti modi, alcuni anche peggiori. Ci sono persone che mi sostengono e altre a cui non piaccio. Lo affronto bene. In ogni caso ricorderò sempre tutte le cose belle che mi sono successe a Melbourne, lì ho vissuto molti bei momenti professionali e personali, nonostante ciò che è successo ho un ottimo legame con l’Australia: quello che è successo quest’anno è stato inaspettato. Sarà difficile dimenticare ma voglio tornare in Australia in futuro e giocare di nuovo sulla Rod Laver Arena. Non è stato facile guardare la finale, ho dovuto farlo perché mia moglie e mio figlio la stavano guardando, anche se non volevo guardarla”, ha detto Djokovic. 

 
 
Il serbo, oltre ad aver ammesso di puntare all’oro Olimpico (“Andrò a Parigi nel 2024”) e di aver sbagliato a rilasciare quell’intervista a “L’Equipe” (“È stato un errore, conosco il giornalista, abbiamo rimandato l’intervista per qualche tempo e ho scoperto di essere positivo dopo il suo atterraggio a Belgrado, ma ho usato sempre la mascherina togliendola solo per il servizio fotografico. Ammetto che sia stata una cosa egoistica e un errore”), ha infine spiegato: “Come atleta d’élite controllo almeno tre volte tutto ciò che entra nel mio corpo, se qualcosa cambia lo 0,5% del mio corpo lo sento subito. Sono solo prudente prima di prendere qualsiasi decisione. Vivrò con le conseguenze e con la mia decisione di non farmi iniettare il vaccino. Ma nella vita tutto è possibile, mai dire mai, non escludo di farlo”.

Guarda anche 

Ancora covid: Noè Ponti positivo dopo i Mondiali

LUGANO - Avevamo sperato, ma forse ci siamo illusi, di esserci lasciati alle spalle gli ultimi due tremendi anni condizionati dalla pandemia. Quest’anno, almeno per...
28.06.2022
Sport

Scatta Wimbledon… senza il suo Re Roger…

WIMBLEDON (Gbr) – Scattano oggi i Championships: lo Slam più iconico di sempre, l’appuntamento con l’erba londinese, il torneo dell’All Eng...
27.06.2022
Sport

“US Open? Non dipende da me: il vaccino non è un’opzione”

LONDRA (Gbr) – Novak Djokovic resta inflessibile sulle sue opinioni e sulle sue posizioni in merito al vaccino per il covid anche se questo dovesse costargli, co...
26.06.2022
Sport

Il dramma di Monica Seles vittima della follia umana

Considerata ancora oggi una delle tenniste più forti della storia, Monica Seles gira il mondo a firmare i suoi libri sulla vita, a tenere conferenze e a ric...
17.06.2022
Sport