Sport, 28 gennaio 2022

Il Lugano cala il pokerissimo: i pre playoff sono ormai in cassaforte

La quinta vittoria, strameritatissima, nel derby dei bianconeri proietta praticamente Arcobello e compagni alla post season intermedia. L’Ambrì, invece, ha di che riflettere

LUGANO – Ancora una volta, la quinta in stagione, il derby si tinge di bianconero. E lo fa a pieno merito, nonostante il Lugano abbia dovuto rinunciare all’infortunato Schlegel e abbia dovuto rimontare lo 0-1 iniziale di McMillan: ancora una volta i sottocenerini hanno saputo far quadrato intorno alle difficoltà, si sono affidati a piene mani alle scelte di McSorley – che ha deciso di puntare su Fatton tra i pali – e sono stati in grado di punire nei momenti chiavi e quando l’Ambrì meno se l’aspettava, ovvero con l’uomo in meno, con la magia di Josephs per quello che a conti fatti è stato il game winning goal.
 
 
Il ghiaccio della Cornèr Arena ha parlato chiaro, è stato schietto e ha detto che il Lugano, pur dovendo quasi sicuramente passare dai pre playoff, è una squadra, ha una filosofia di gioco e di gruppo, ha un’idea in testa e non si fa abbattere dai problemi. Dall’altra parte l’Ambrì fatica tremendamente su ogni fronte, in 5 contro 5, così come in powerplay, riesce a chiudere i varchi con l’uomo in meno, ma alla fine dei conti difficilmente riesce a cavare un ragno dal buco quando serve: la vittoria del Berna, sommata alla sconfitta di ieri sera sulle rive del Ceresio, complica nuovamente i piani di Cereda e compagnia in ottica post season.{banner}
 
 
Se per 40’ il derby è stato a lunghi tratti anche equilibrato, la sesta sfida stracantonale è deflagrata sul terzo e conclusivo parziale apertosi sul 2-1 grazie alla perla di Josephs, capace di ripetersi nel tempo conclusivo, prima del sigillo finale – altra perla sopraffina – di Arcobello. E se qualcuno aveva dei dubbi in merito a Fatton, dopo le mezze papere di Zugo, ieri sera si è dovuto ricredere: il giovane portiere, così come era capitato a Fadani, ha giocato e vinto il suo primo derby e da totale protagonista.

Guarda anche 

Partenza a tutto gas: la Svizzera è tutt’altra cosa rispetto a Pechino

HELSINKI (Finlandia) – L’incubo della sconfitta subita a Pechino per 5-3, il facile successo ottenuto contro l’Italia, giocando anche a un ritmo molto b...
16.05.2022
Sport

Festa Lugano, Ticino in trionfo: il Crus nella storia

BERNA – “Ci credevo dallo scorso 2 settembre. Questo era l’obiettivo”. Parole e musica di Mattia Croci-Torti che ha così commentato ieri la...
16.05.2022
Sport

Lugano, è tutto vero! La Coppa Svizzera è tua!

BERNA – Era il sogno, neanche tanto nascosto, degli ultimi due mesi. Era l’obiettivo che il Lugano, i suoi tifosi e tutto il Canton Ticino avevano messo nel m...
15.05.2022
Sport

“I nostri anni meravigliosi Malfanti il trascinatore”

LUGANO - Adriano Coduri ha quasi 85 anni e sente gli acciacchi della vita anche se non se ne cura troppo. Risiede sempre a Rancate, il paese in cui è cre...
15.05.2022
Sport