Sport, 24 gennaio 2022

Mercato, dove andrà Alessandro Chiesa? Ambrì Piotta e Ajoie in pole position

LUGANO - Quale futuro per Alessandro Chiesa, ultimo bianconero rimasto della squadra che vinse nel 2006 il settimo titolo, il più bello e rocambolesco della storia targata HCL? Il giocatore, ospite a Fuorigioco giovedì sera, ha detto di non aver ancora deciso. Lo farà il prossimo mese, durante le Olimpiadi invernali di Pechino. Con calma e serenità, tenendo in considerazione tutti gli aspetti del caso. L’opzione Lugano, ovverossia il rinnovo del contratto, sembra difficile, anche perché il simpatico e generoso difensore ha perso minutaggio rispetto al passato ed è per così dire scivolato in terza linea.


Chiesa, comunque, non ne fa un dramma: “Per me nessun problema, mi adatto ai compiti che mi vengono affidati”. L’impressione è che non rientri più nei piani di Chris Mc Sorley e quindi a fine stagione potrebbe lasciare la società per la quale - dopo gli esordi ad Ambrì - ha giocato una dozzina di stagioni (con una parentesi a Zugo dal 2010 al 2014), sfiorando nel 2016 e nel 2018 la riconquista del massimo alloro nazionale.


L’ex capitano, va pur detto, vorrebbe continuare ancora, la voglia di giocare è sempre la stessa e a proposito radiomercato, sempre attiva in questo momenti della stagione, annuncia con le dovute riserve due possibili approdi per il buon Alessandro: il primo sarebbe nientemeno che ad Ambrì, club che lo ha lanciato nel 2004 nella massima serie. L’altro, suggestivo ma forse meno percorribile, sarebbe l’Ajoie.


Opzione HCAP: il giocatore ha molti estimatori in Leventina e andrebbe a rinforzare un reparto che con la partenza di Fora si è certamente indebolito. Opzione Ajoie: Chiesa potrebbe seguire nel Giura il neo direttore sportivo Julien Vauclair, suo compagno di mille battaglie a Lugano e che lo vorrebbe per fungere da chioccia ai giovani locali. Non ci resta che aspettare febbraio per sapere dove giocherà il numero 27 bianconero. Sempre che non decida di ritirarsi…

Guarda anche 

Partenza a tutto gas: la Svizzera è tutt’altra cosa rispetto a Pechino

HELSINKI (Finlandia) – L’incubo della sconfitta subita a Pechino per 5-3, il facile successo ottenuto contro l’Italia, giocando anche a un ritmo molto b...
16.05.2022
Sport

Festa Lugano, Ticino in trionfo: il Crus nella storia

BERNA – “Ci credevo dallo scorso 2 settembre. Questo era l’obiettivo”. Parole e musica di Mattia Croci-Torti che ha così commentato ieri la...
16.05.2022
Sport

Lugano, è tutto vero! La Coppa Svizzera è tua!

BERNA – Era il sogno, neanche tanto nascosto, degli ultimi due mesi. Era l’obiettivo che il Lugano, i suoi tifosi e tutto il Canton Ticino avevano messo nel m...
15.05.2022
Sport

“I nostri anni meravigliosi Malfanti il trascinatore”

LUGANO - Adriano Coduri ha quasi 85 anni e sente gli acciacchi della vita anche se non se ne cura troppo. Risiede sempre a Rancate, il paese in cui è cre...
15.05.2022
Sport