Sport, 24 dicembre 2021

SONDAGGIO – «Sospendiamo il campionato». Sareste d’accordo?

Questa la proposta di qualche giorno fa del presidente dell’Ambrì-Piotta, Filippo Lombardi, visto l’aumentare dei casi covid e la presenza di alcune squadre in quarantena

LUGANO – “Abbiamo due squadre in quarantena e le nuove regole che limitano le consumazioni alle buvette, che rappresentano una parte importante della cifra d’affari di ogni società sportiva. A febbraio ci sarà un’interruzione del campionato per le Olimpiadi: suggerirei di sospendere il campionato senza interromperlo del tutto, nella speranza di riprenderlo non appena la situazione sanitaria lo permetterà”.
 
 
Parole di Filippo Lombardi che qualche giorno fa, durante la trasmissione “Matrioska”, ha cercato di fare un quadro della situazione dell’hockey svizzero in generale, in merito alla complicata situazione del covid e della nuova variante Omicron che sta facendo registrare numeri davvero importanti.
 
 
Quella di Lombardi potrebbe essere un’idea anche giusta e interessante, ma che comunque potrebbe stridere con la realtà sportiva, e non, che concerne il nostro campionato. Se per il lato sportivo c’è da tenere in considerazione che così facendo la stagione potrebbe ripartire tra diverse settimane, rischiando di terminare oltre la data stabilita,
con tutto quello che ne consegue per i giocatori con i contratti in scadenza, o che hanno già firmato con altre formazioni, c’è anche da considerare il fattore sociale.
 
 
Il Governo, federale e non, infatti ha giustamente spinto (e lo fa ancora oggi) la popolazione verso la vaccinazione che resta lo scudo primario contro la pandemia, inserendo anche il 2G sotto le volte delle piste elvetiche. Interrompendo il campionato verrebbe però meno la forza trainante dello sport in sé per sé quanto motore per la vaccinazione stessa: se essere vaccinati o guariti risulta l’unico modo per poter accedere alle piste (cosa che potrebbe spingere diverse persone a ricorrere al vaccino), fermare la stagione potrebbe rappresentare un freno a tutto questo.
 
 
Ovviamente la salute, dei giocatori e non solo, va messa in primo piano, ma c’è da capire se bloccare il campionato (magari col rischio di ridurre anche il numero di giornate) non rischi di portare a problemi anche economici e sociali.
 
 
Voi cosa ne pensate? Diteci la vostra rispondendo al sondaggio.

Sondaggio

Covid: sospendere il campionato di hockey?

Sono d’accordo col presidente Lombardi: sarebbe la soluzione più corretta
Assolutamente no: lo sport deve andare avanti
No, mi sono vaccinato anche per poter andare alla pista: sarebbe un controsenso

Guarda anche 

Lo sport ticinese fa gli auguri alla Svizzera

LUGANO – Un’immagine di Mattia Croci-Torti durante i festeggiamenti per la vittoria della Coppa Svizzera con tanto di bandiera elvetica in mano, un’altr...
01.08.2022
Sport

Niente vaccino, niente US Open. Djokovic: “Non so ancora se ci sarò”

BELGRADO (Serbia) – Tra meno di un mese inizierà l’US Open e, forte della vittoria a Wimbledon e con lo smacco della sconfitta subita in finale l&rsquo...
02.08.2022
Sport

C’è il marchio finlandese sulla storia del Lugano

LUGANO - Con l’arrivo di Mikko Koskinen, Oliwer Kaski e Markus Granlund si allunga la lista di giocatori finlandesi ingaggiati dal Lugano. ...
26.07.2022
Sport

Lugano, sei stranieri e un mercato che può fa sognare

LUGANO – Koskinen in porta, Kaski in difesa, Arcobello, Carr, Josephs e il neo arrivato Granlund in attacco. Sei stranieri importanti. Sei giocatori d’importa...
21.07.2022
Sport