Svizzera, 23 dicembre 2021

Annunciava radar e controlli di polizia su Internet, condannato

Un 29enne residente a Winterthur è stato condannato per aver annunciato a più riprese controlli di velocità e traffico sul suo account Instagram. Il giovane, tramite un account ora chiuso che aveva oltre 6'000 "followers", allertava gli automobilisti sulla presenza di radar e controlli di polizia. Il 29enne è comparso martedì davanti al tribunale distrettuale di Winterthur per cinque annunci che ha fatto tra febbraio e maggio di quest'anno. Davanti al giudice, l'imputato ha ammesso: "Ho fatto degli errori, ma trovo la pena sproporzionat"a. Il pubblico ministero ha chiesto una multa di 16'200 franchi e il pagamento delle spese processuali.

Il giovane ha replicato che ogni volta erano le persone che seguivano il
suo account a mandargli le foto dei posti di blocco. Non ha fatto altro che diffondere ulteriormente questa informazione. Voleva riferire sugli eventi attuali a Winterthur. Secondo la difesa, il reato di annuncio dei controlli del traffico è chiaramente stabilito ma questo non è un caso grave. "Un'ordinanza penale sarebbe stata sufficiente, ha sostenuto. Il mio cliente ha agito per negligenza. L'avvocato ha anche denunciato il fatto che le autorità hanno esagerato la pena dell'imputato "per farne un esempio".

Alla fine, il tribunale distrettuale di Winterthur ha multato il 29enne per un totale di 1'800 franchi per aver ripetutamente annunciato pubblicamente i controlli su strada. Dovrà anche pagare le spese del processo.

Guarda anche 

Borseggiatore arrestato in pieno furto alla stazione di Zurigo

Un borseggiatore algerino è stato arrestato venerdì pomeriggio (21 gennaio 2022) alla stazione ferroviaria di Zurigo. Gli agenti della polizia canto...
22.01.2022
Svizzera

Il suo cane morde due donne, dovrà pagare 50'000 franchi di risarcimento

Non avere il proprio cane sotto controllo può avere gravi conseguenze. Lo sa bene un 57enne di Basilea, condannato giovedì dal tribunale penale di Basile...
22.01.2022
Svizzera

Tre richiedenti l'asilo condannati per aver minacciato il personale del centro di cui sono ospiti

Tre richiedenti l'asilo algerini sono stati condannati per aver aggredito il personale del centro federale per richiedenti l'asilo di Chevrilles (FR) di cui er...
17.01.2022
Svizzera

In assistenza e senza fissa dimora, dopo 36 condanne rischia l'espulsione

Un cittadino tedesco di 40 anni rischia l'espulsione dalla Svizzera dopo aver aggredito e derubato una donna nel 2020. L'uomo, al beneficio dell'assistenza so...
16.01.2022
Svizzera