Svizzera, 20 dicembre 2021

"La regola del 2G+ è uno schiaffo ai vaccinati che rende obsoleto il certificato Covid"

A partire da oggi per accedere a determinati stabilimenti chiusi vale la regola del 2G+, ossia bisogna essere vaccinati o guariti e presentare inoltre un test negativo. Un'ultima condizione, questa, a cui sono esentati coloro che hanno ricevuto la terza dose entro gli ultimi quattro mesi, il che riguarda circa il 16% di coloro che sono stati completamente vaccinati (67%).

Restrizioni che non sono ben viste da taluni a Palazzo federale. "Il 2G+ è uno schiaffo per coloro che sono stati vaccinati e rende il loro certificato in qualche misura inutile", afferma il consigliere nazionale PLR Marcel Dobler, citato da "20 minuten". Le persone vaccinate che non hanno ancora avuto l'opportunità di fare la terza dose difficilmente penserebbero di fare il test prima di ogni viaggio o di entrare in una piscina coperta. L'obbligo di indossare mascherine nei ristoranti e nelle strutture ricreative colpisce anche coloro che sono stati vaccinati. "Ora si è vaccinati e si deve ancora indossare una mascherina. Mi chiedo quando potremo toglierci di nuovo la mascherina. Chiaramente, la vaccinazione non è così efficace come ci si aspettava".

Il gruppo di lavoro conferma la diminuzione della protezione della vaccinazione. Una terza dose di vaccinazione aumenta la protezione in caso di infezione Delta ad almeno il 95%, scrive nella sua ultima valutazione epidemiologica. La terza vaccinazione rinnova la protezione contro l'infezione da Omikron a circa il 60-85%, almeno per un breve periodo.

Tuttavia, l'attuale certificato Covid non corrisponde più alle ultime misure: dà ancora
alle doppie vaccinazioni un periodo di validità di 365 giorni - non si parla del periodo di quattro mesi. Diverse voci politiche premono per un adeguamento. "Il certificato Covid è obsoleto", si lamenta Peter Metzinger, che ha guidato la campagna pro legge Covid. Se la protezione del vaccino e il virus cambiano, anche il certificato deve essere adattato. "Il certificato Covid deve essere aggiornato al più presto e avere la vaccinazione di terzi come nuovo standard di vaccinazione". Fino ad allora, si dice che bisogna "fare booster, booster e ancora booster". Se Omikron non avesse ostacolato la legge, i vaccinati godrebbero di un maggiore senso di normalità. È felice per ogni nuovo vaccinato. "Ma non è giusto che coloro che sono stati vaccinati per mesi ora debbano essere testati per entrare in certi stabilimenti".

Il consigliere nazionale PS Mustafa Atici sostiene la richiesta di Metzinger. Secondo gli scienziati, la tripla vaccinazione offre il più alto livello di protezione, dice. Inoltre, la volontà della popolazione di ricevere il booster sarebbe alta. "Ha quindi senso solo se il booster nel certificato diventa il nuovo standard il più presto possibile". Il consigliere nazionale FDP Marcel Dobler chiede anche una maggiore velocità nella somministrazione della terza vaccinazione. Ma è contrario a sostituire la doppia vaccinazione nel certificato Covid con la terza vaccinazione. "2G+ è uno straccio rosso e dovrebbe essere abolito. Ovunque si applichi la 2G, dovrebbe cadere anche il requisito della mascherina e della consumazione da seduti" sostiene Dobler.

Guarda anche 

Niente vaccino, niente US Open. Djokovic: “Non so ancora se ci sarò”

BELGRADO (Serbia) – Tra meno di un mese inizierà l’US Open e, forte della vittoria a Wimbledon e con lo smacco della sconfitta subita in finale l&rsquo...
02.08.2022
Sport

Prima il covid, poi la guerra. Lei ucraina, lui canadese: marito e moglie non si vedono dal 2019

KIEV (Ucraina) – Una cosa da non credere. Una storia che ha dell’incredibile: marito e moglie separati da due anni e mezzo prima dal covid, poi dalla guerra. ...
14.07.2022
Magazine

Ancora covid: Noè Ponti positivo dopo i Mondiali

LUGANO - Avevamo sperato, ma forse ci siamo illusi, di esserci lasciati alle spalle gli ultimi due tremendi anni condizionati dalla pandemia. Quest’anno, almeno per...
28.06.2022
Sport

“US Open? Non dipende da me: il vaccino non è un’opzione”

LONDRA (Gbr) – Novak Djokovic resta inflessibile sulle sue opinioni e sulle sue posizioni in merito al vaccino per il covid anche se questo dovesse costargli, co...
26.06.2022
Sport