Sport, 12 dicembre 2021

Dal trionfo di Regazzoni alla scomparsa di Senna

Vita e miracoli di Sir Frank Williams, grande protagonista della Formula 1 moderna

Frank Williams, deceduto settimana scorsa, è stato l'ultimo “piccolo grande” costruttore della Formula 1 moderna. Senza nessuno alle spalle, privo di grandi mezzi economici ma spinto da una grande passione e da visioni tecniche non comuni, è riuscito a sfondare in un mondo difficile, complicato e che non perdona nulla. E sin quando la salute glielo ha permesso, ha saputo tenere a bada piloti con aria e atteggiamenti da prima donna. La gestione a muso duro di due fuoriclasse quali Piquet e Mansell, entrambi campioni del mondo con la macchina di Grove, resterà nella storia.


Frank non ha mai dimenticato le sue origini e ne ha conservato alcune tracce indelebili: rispetto, gentilezza ma anche fermezza quando il caso lo richiedeva. Sbagliò anche lui, come tutti gli esseri umani. Soprattutto con il nostro Clay Regazzoni, che gli regalò la prima vittoria assoluta in una caldissima domenica di luglio del 1979, e al quale non mostrò nessuna gratitudine. Quando l' indimenticato pilota ticinese arrivò ai box per festeggiare con i meccanici, Williams era sparito. Nel libro di Cesare De Agostini“È sempre una questione di cuore”Regazzoni raccontò che “quando scesi
dalla macchina non vidi Williams e nemmeno Jones (il suo compagno di scuderia, ndr). Pazienza per l'australiano, le corse perse possono essere poco digeribili. Ma Williams...Era alla sua prima vittoria mondiale e non mi riservò nemmena una parola. Sarà la freddezza inglese: avevo vinto io e non Jones”.


Ci furono altri sgarbi ma il buon Regazzoni non serbò mai rancore nei confronti di quel signore che gli aveva comunque dato la possibilità di guidare la sua macchina e portarla al trionfo. In seguito Frank Williams, che vincerà 9 titoli costruttori e 7 titoli mondiali con 7 piloti diversi (con Jones, Rosberg, Piquet, Mansell, Prost, Hill e Villeneuve), soffrì moltissimo per la perdita di Ayrton Senna, che aveva voluto nella sua scuderia. E le accuse, poi ritirate, di omicidio colposo, lo resero ancora più fragile.


Di lui resta anche il ricordo del titolo di Commendatore dell’Ordine dell’Impero Britannico e di Cavaliere conferitogli nel 1987 dalla Regina Elisabetta II. Oggi il Mattino della Domenica ricorda alcuni momenti eclatanti della sua carriera, a partire proprio dal successo di Clay a Silverstone.

M.A.

Guarda anche 

12enne muore per malore durante una gara podistica

TREVISO (Italia) – Un 12enne è morto a Treviso dopo esser stato colto da un malore poco prima di concludere una gara podistica: era stato subito soccorso ...
27.01.2022
Sport

Coppa d’Africa, dramma in Camerun-Comore: rissa fuori dallo stadio, diversi morti

YAOUNDE (Camerun) – Doveva essere la sfida della festa, con i padroni di casa in campo. Era diventata già una sfida clamorosa, visto che il Comore scendeva i...
25.01.2022
Sport

Triste destino dell’uomo che tradì il Cavallino

LUGANO - È il 2 maggio del 2014. Nigel Stepney, ex capomeccanico della Ferrari caduto in disgrazia in seguito alla spy story esplosa sette anni prima, scende ...
18.01.2022
Sport

Non vaccinata a 37 anni muore di covid. La madre: “Sono pentita”

NAPOLI (Italia) – Si chiamava Giusy Barbato ed è morta a Napoli a 37 anni di covid: non era vaccinata. “Non siamo contro il vaccino, ma avevamo paura&r...
06.01.2022
Magazine