Svizzera, 06 dicembre 2021

Sostegno allo Stato islamico, l'"Emiro di Winterthur" se la cava con una pena ridotta

La corte d'appello del Tribunale penale federale di Bellinzona ha condannato il sostenitore dello Stato islamico, soprannominato "l'emiro di Winterthur", a 36 mesi di reclusione di cui 18 da scontare. Il verdetto è meno severo di quello emesso in prima istanza dal tribunale penale che aveva condannato il 35enne a 50 mesi di reclusione senza sospensione.

Tuttavia, la Corte d'appello ha ampiamente respinto l'appello del 35enne in quanto ritiene che sia provato che l'uomo si sia recato in Siria alla fine del 2013 per sostenere il gruppo terroristico Stato Islamico. Tuttavia, solo alcune missioni di sorveglianza sono provate. L'uomo non ha partecipato a nessun combattimento, ha scritto il tribunale in un comunicato stampa lunedì.

Inoltre, l'imputato sarebbe tornato prematuramente in Svizzera. Secondo la corte, l'indottrinamento e il reclutamento di adolescenti e giovani adulti, che poi sono partiti per la zona di combattimento in Siria, ha pesato più degli altri fattori.

Il tribunale non ha accettato la richiesta del Ministero pubblico della Confederazione (MPC) di condannare l'imputato per partecipazione e non solo
per sostegno a un'organizzazione criminale. Durante il processo d'appello, l'MPC aveva chiesto una condanna a 55 mesi di prigione mentre l'avvocato della difesa chiedeva l'assoluzione.

Al processo d'appello di novembre, il giovane si è descritto come un ex simpatizzante dello Stato Islamico. Secondo lui, questo è stato un errore che ha distrutto la sua vita. L'uomo si sarebbe de-radicalizzato dopo aver preso coscienza di ciò che il gruppo terroristico stava realmente facendo. L'imputato non è ancora tornato nel mondo professionale. A causa di un disturbo da stress post-traumatico, non è in grado di lavorare. La causa di ciò è il quasi un anno di detenzione preventiva, che è stato confermato da un medico indipendente.

Secondo quanto emerso al processo, l'uomo non è stato in grado di trovare un lavoro, indipendentemente dalle sue condizioni di salute. I potenziali datori di lavoro non vogliono un ex islamista radicale e di conseguenza deve ricorrere all'assistenza.

La sentenza della camera d'appello non è ancora definitiva e le parti possono ancora presentare ricorso.

Guarda anche 

Dal Parlamento un primo passo verso un divieto del velo islamico nelle scuole

In Svizzera potrebbe presto essere vietato di indossare il velo islamico nelle scuole. Il Consiglio nazionale ha infatti approvato un postulato in questo senso con 104 vo...
12.06.2024
Svizzera

I giovani UDC pubblicano un'immagine che raffigura un terrorista vicino al vincitore di Eurovision, media e sinistra si scandalizzano

Che cosa hanno in comune l'attentatore di Mannheim e il vincitore di Eurovision Nemo? Entrambi sarebbero una minaccia per la libertà, stando alla sezione giova...
06.06.2024
Svizzera

Germania, uomo accoltella diverse persone a Mannheim: ferito attivista anti Islam

Un uomo ha accoltellato sei persone venerdì a Mannheim, in Germania, attaccando un raduno di un movimento anti-islamico vicino all'estrema destra, un atto desc...
01.06.2024
Mondo

Erano andate in Siria per unirsi all'ISIS, condannate (ma niente espulsione)

Il Tribunale penale federale ha condannato giovedì con due pene sospese due sorelle che si erano recate in Siria nel febbraio 2015 per unirsi allo Stato islamico (...
24.05.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto