Svizzera, 06 dicembre 2021

Sostegno allo Stato islamico, l'"Emiro di Winterthur" se la cava con una pena ridotta

La corte d'appello del Tribunale penale federale di Bellinzona ha condannato il sostenitore dello Stato islamico, soprannominato "l'emiro di Winterthur", a 36 mesi di reclusione di cui 18 da scontare. Il verdetto è meno severo di quello emesso in prima istanza dal tribunale penale che aveva condannato il 35enne a 50 mesi di reclusione senza sospensione.

Tuttavia, la Corte d'appello ha ampiamente respinto l'appello del 35enne in quanto ritiene che sia provato che l'uomo si sia recato in Siria alla fine del 2013 per sostenere il gruppo terroristico Stato Islamico. Tuttavia, solo alcune missioni di sorveglianza sono provate. L'uomo non ha partecipato a nessun combattimento, ha scritto il tribunale in un comunicato stampa lunedì.

Inoltre, l'imputato sarebbe tornato prematuramente in Svizzera. Secondo la corte, l'indottrinamento e il reclutamento di adolescenti e giovani adulti, che poi sono partiti per la zona di combattimento in Siria, ha pesato più degli altri fattori.

Il tribunale non ha accettato la richiesta del Ministero pubblico della Confederazione (MPC) di condannare l'imputato per partecipazione e non solo
per sostegno a un'organizzazione criminale. Durante il processo d'appello, l'MPC aveva chiesto una condanna a 55 mesi di prigione mentre l'avvocato della difesa chiedeva l'assoluzione.

Al processo d'appello di novembre, il giovane si è descritto come un ex simpatizzante dello Stato Islamico. Secondo lui, questo è stato un errore che ha distrutto la sua vita. L'uomo si sarebbe de-radicalizzato dopo aver preso coscienza di ciò che il gruppo terroristico stava realmente facendo. L'imputato non è ancora tornato nel mondo professionale. A causa di un disturbo da stress post-traumatico, non è in grado di lavorare. La causa di ciò è il quasi un anno di detenzione preventiva, che è stato confermato da un medico indipendente.

Secondo quanto emerso al processo, l'uomo non è stato in grado di trovare un lavoro, indipendentemente dalle sue condizioni di salute. I potenziali datori di lavoro non vogliono un ex islamista radicale e di conseguenza deve ricorrere all'assistenza.

La sentenza della camera d'appello non è ancora definitiva e le parti possono ancora presentare ricorso.

Guarda anche 

Annunciava radar e controlli di polizia su Internet, condannato

Un 29enne residente a Winterthur è stato condannato per aver annunciato a più riprese controlli di velocità e traffico sul suo account Instagram. Il ...
23.12.2021
Svizzera

La Svizzera rimpatria i figli di una jihadista partita in Siria

La Svizzera ha rimpatriato due ragazze di 15 e 9 anni dal campo di Roj, nel nord-est della Siria. La loro madre le aveva portate con sè cinque anni fa per unirsi a...
07.12.2021
Svizzera

Roma, 14enne picchiata dalla famiglia perchè non indossa il burqa

Aggredita dalla famiglia perchè si rifiuta di indossare il burqa. Una 14enne originaria del Bangladesh residente a Ostia, nei pressi di Roma, è stata ripetu...
15.11.2021
Mondo

Omicidio deputato britannico, è terrorismo islamico

L'omicidio del deputato britannico David Amess, accoltellato a morte in una chiesa venerdì nel sud-est dell'Inghilterra, è stato definito come un at...
17.10.2021
Mondo