Svizzera, 21 novembre 2021

"Siamo già in ritardo con la terza dose"

La terza dose del vaccino anti Covid per gli anziani arriva troppo tardi, almeno in Svizzera. Ne è convinto l’infettivologo zurighese Huldrych Günthard, interpellato in un‘intervista dal SonntagsZeitung.

"È incomprensibile che i cantoni non facciano di tutto per somministrare ora e non entro la fine di dicembre la dose di richiamo alle persone anziane e vulnerabili". A suo avviso, gli over 65 dovrebbero aver già ricevuto il richiamo.

Il booster va fatto anche ai giovani, prosegue. Oppure, il rischio è finire come l'Austria, la cui politica sanitaria, con il lockdown dapprima solo per i non vaccinati, poi per tutti e da febbraio l'obbligo vaccinale. 

Günthard esorta il Consiglio Federale a muoversi, con misure efficaci. Se non ci fosse abbastanza personale per la dose di richiamo, dovrebbe coinvolgere  l’esercito o la protezione civile. Ma deve fare in fretta

Guarda anche 

I Verdi chiedono che la Svizzera boicotti i giochi olimpici di Pechino

La Svizzera dovrebbe fare come gli Stati Uniti, Australia, Regno Unito e Canada e boicottare le olimpiadi a Pechino che iniziano il prossimo 4 febbraio. È quello c...
09.12.2021
Svizzera

In Ticino accertato il primo caso di variante Omicron

Il Dipartimento della sanità e della socialità (DSS) informa che le specifiche analisi svolte su un caso sospetto hanno confermato la presenza di un primo c...
09.12.2021
Svizzera

Previsioni economiche: la ripresa si fa attendere

Nell’inverno 2021/2022 le difficoltà di approvvigionamento e l’inasprimento delle misure anti-COVID pesano sull’economia a livello internazionale...
09.12.2021
Svizzera

Settimana della vaccinazione, il bus della Confederazione circolava illegalmente

Da più parti considerata un fallimento, la "settimana di vaccinazione" promossa dalla Confederazione potrebbe anche avere conseguenze giudiziarie. In cau...
08.12.2021
Svizzera