Svizzera, 15 novembre 2021

Condannato per aver abusato della sua ex, non sarà espulso

Il giudice ha definito la loro relazione come "tossica", quella tra un cittadino portoghese e una ragazza di fede musulmana terrorizzata dall'idea che i suoi genitori scoprissero che stava con qualcuno. Secondo quanto riporta il portale friborghese "La Libertè", lei gli aveva confessato che temeva che la sua famiglia l'avrebbe uccisa se avessero saputo che aveva una relazione e che aveva perso la verginità. Di questa paura, legata alla fede musulmana dei genitori della giovane donna, il suo ex fidanzato ne aveva approfittato per imporre la sua volontà su di lei, minacciando di rivelare tutto.

Nel 2019, l'accusato arrivò a violentarla. Quella sera lei lo aveva fatto entrare dalla finestra della sua camera da letto, per paura che facesse rumore e svegliasse i suoi genitori. E per la stessa ragione, lei non aveva gridato e non si è ribellata quando lui l'ha costretta ad una relazione sessuale, un episodio di cui dice essere traumatizzata ancora oggi. Venerdì, il giovane portoghese è stato condannato a due anni e mezzo di prigione, di cui sei mesi da scontare, per stupro, insulti, minacce e coercizione. Tuttavia, il "Tribunal de la Sarine" ha deciso di non espellerlo dalla Svizzera.

Guarda anche 

Multa pesante per un (ennesimo) eccesso di velocità

Multa salata per uomo di 61 anni, residente nel canton Argovia, preso a sfrecciare a 122 km/h tra due località dove il limite di velocità è di 80 km/...
05.12.2021
Svizzera

Crivellò di colpi un conoscente in un bar, condannato a 16 anni di carcere

Il tribunale penale di Ginevra ha riconosciuto colpevole di omicidio (tra le altre cose) l'uomo che nel 2016 aveva sparato più volte ad un conoscente in una sa...
04.12.2021
Svizzera

Vittima di abusi sessuali da piccolo, finisce a sua volta a processo per stupro

Vittima di abusi sessuali sin da piccolo, finisce a sua volta a processo per stupro. Un 19enne residente nel canton Vaud comparirà il 7 dicembre davanti al Tribuna...
03.12.2021
Svizzera

Autore di una violenta aggressione sessuale rischia carcere e espulsione, "troverà lavoro ma fuori dalla Svizzera"

Un cittadino portoghese residente nel canton Friburgo rischia 42 mesi di carcere e l'espulsione dalla Svizzera per un violento stupro avvenuto nel 2020. Al Tribunale ...
02.12.2021
Svizzera