Ticino, 09 novembre 2021

PSE, il Municipio risponde al comitato dei contrari

Il Municipio di Lugano "ha preso atto della comunicazione del 7 novembre 2021 del comitato di opposizione al Polo Sportivo e degli Eventi (PSE), delle osservazioni in essa espresse e della rinuncia a ricorrere contro l’opuscolo informativo trasmesso dalla Città agli aventi diritto per la votazione comunale del 28 novembre relativa alla realizzazione del PSE e al suo finanziamento tramite l’accordo di partenariato pubblico privato". Inizia così un comunicato della Città, intenzionata a fornire alla popolazione alcune precisazioni doverose.
 

A mente del Municipio l’opuscolo di voto - considerato nel suo insieme - "informa i votanti in modo adeguato. La presentazione dell’oggetto in votazione, le considerazioni dei favorevoli e quelle dei contrari, la sintesi della risoluzione del Consiglio comunale votata a larga maggioranza il 29 marzo 2021, contribuiscono a fornire un quadro comprensibile di un progetto estremamente complesso. Ben consapevoli della limitazione posta dallo spazio a disposizione nel libretto informativo, per agevolare l’accesso e la fruizione di tutte le informazioni relative al tema in votazione – anche quelle non inserite nell’opuscolo - la Città ha da tempo messo in atto un importante sforzo di informazione. Sul sito del Comune è presente da mesi una sezione specifica dedicata al PSE, dove si trovano tutta la documentazione di progetto, quella relativa alle conferenze e ai comunicati stampa, lo streaming della serata pubblica del 25 ottobre (che conta a oggi circa 2500 visualizzazioni), il video, le immagini dell’opera e altro ancora. Sono state pubblicate anche una quarantina di risposte alle domande più frequenti, sviluppate negli scorsi mesi anche dando la possibilità alle cittadine e ai cittadini di inoltrarne di supplementari, cui si è risposto".
 

"L’ultima pagina dell’opuscolo di voto rimanda a lugano.ch/votazioni , dove è possibile consultare la documentazione specifica relativa alla votazione: messaggio municipale, accordo di partenariato pubblico privato completo di allegati, rapporti delle commissioni, verbali di dibattito e voto in Consiglio comunale. Per quanto concerne il merito delle osservazioni del comitato dei contrari - rappresentato dai signori Fulvio Pelli e Martino Rossi - fatta la premessa che è sicuramente e sempre possibile fare meglio, il Municipio coglie l’occasione per specificare quanto segue:
 

a. l’importo di 167 milioni di franchi indicato nell’opuscolo rappresenta il tetto dei costi di investimento massimo per i contenuti sportivi (stadio e palazzetto dello sport); verrà ulteriormente ridotto nell’affinamento progettuale in corso e sarà anticipato dai privati. Il rischio di eventuali sorpassi di spesa rispetto a questo tetto dei costi è esclusivamente a carico dei partner privati. Per contro, i risparmi che i partner conseguiranno per i contenuti sportivi in fase realizzativa saranno riconosciuti nella misura di due terzi in favore della Città;
 

b. il leasing - già garantito dai partner privati - rappresenta uno dei possibili strumenti di finanziamento a disposizione della Città per i contenuti sportivi. I tassi di interesse sono del 2.38% per l’arena sportiva e del 3.08% per il palazzetto. La Città, ha la facoltà di riscattare immediatamente o successivamente i contenuti sportivi, finanziandoli quindi in altro modo, oppure - se dovesse scegliere il leasing - provvedere a versamenti straordinari sia iniziali sia successivi, così da ridurre gli interessi dovuti;
 

c. nella peggiore delle ipotesi, considerato un costo di investimento di 167 milioni (ossia l’attuale tetto dei costi senza contributi, rimborsi o risparmi sull’investimento), il costo complessivo del leasing sull’arco di 27 anni, inclusi gli interessi, sarebbe di 229 milioni di franchi;
 

d. nel caso in cui la Città dovesse scegliere l’opzione di finanziamento tramite leasing, al termine dello stesso riscatterà le strutture sportive per 1 franco;
 

e. grazie all’opzione del leasing la Città può avviare immediatamente la realizzazione del PSE, nonostante oggi non abbia la capacità finanziaria e di indebitamento per far fronte a un finanziamento totale in proprio dell’opera. Tuttavia, l'opzione di finanziare in proprio le due strutture rimane a disposizione della Città, subito al momento della messa in funzione delle opere oppure successivamente a scadenza regolare".

Guarda anche 

Voleva difendere l'amico, è stato preso a calci in testa

Il giovane selvaggiamente picchiato a Locarno, che per fortuna comunque sta discretamente ed è già riuscito a tornare a scuola, seppur sotto shock, voleva d...
09.12.2021
Ticino

Un nuovo Centro cantonale di vaccinazione a Chiasso

A partire dal 14 dicembre la regione del Mendrisiotto potrà usufruire di un nuovo Centro cantonale di vaccinazione al Palapenz di Chiasso che sostituirà que...
08.12.2021
Ticino

Locarno, "mio figlio riempito di calci in testa"

“Ho ricevuto una chiamata attorno alle 23:00. ‘Papi’ vieni a prendermi, mi hanno pestato di brutto’”. Da una parte del telefono c’&...
07.12.2021
Ticino

Il Cantone invita i Comuni a obbligare l'uso della mascherina all'esterno

Considerato il peggioramento della situazione epidemiologica, il Consiglio di Stato – su proposta del Dipartimento delle istituzioni (DI) e del Dipartimento della s...
07.12.2021
Ticino