Svizzera, 02 novembre 2021

La CEDU condanna la Svizzera per aver internato un omicida con problemi psichiatrici, dovrà risarcirgli 40'000 franchi

La Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) ha condannato la Svizzera per l'internamento di un omicida con problemi psichiatrici che aveva espiato la sua pena detentiva.

L'uomo, oggi 61enne, era stato condannato all'inizio degli anni '90 dal Tribunale del canton Zurigo per omicidio volontario e altri reati.

Nel 2010, quando mancavano pochi anni alla sua liberazione, il ministero pubblico zurighese aveva chiesto l'internamento secondo le nuove regole del codice penale. Ha ritenuto che il condannato fosse ancora a rischio di commettere gravi reati violenti.

La Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) ha accettato il ricorso del prigioniero. In questo caso, la Svizzera aveva violato tre articoli della Convenzione.

La CEDU ha ritenuto che la procedura di internamento non ha tenuto sufficientemente conto della condanna iniziale del ricorrente e chi i reati all'epoca non erano stati riesaminati. Solo le condizioni di internamento furono controllate, il che alla fine equivaleva a una doppia sanzione. La privazione della libertà di un malato di mente è lecita solo se avviene in un istituto adeguato e non in una prigione ordinaria.

Inoltre, ordinando l'internamento dopo la condanna, la Svizzera aveva anche violato il principio di legalità: al momento della condanna dell'uomo, la legge non permetteva una decisione successiva sull'internamento.

La Svizzera è stata quindi condannata a pagare al ricorrente 40'000 euro per danni non patrimoniali e 6'000 euro per costi e spese processuali.

Guarda anche 

"Non ucciderei mai una donna che mi paga 300'000 franchi per delle relazioni sessuali"

La Corte Suprema del canton Zurigo ha condannato un cittadino italiano di 78 anni a 13 anni di carcere per un omicidio avvenuto nel 1997. Il tribunale ha quindi confermat...
12.05.2022
Svizzera

Ladro complottista si fa denunciare dal suo stesso avvocato, finisce condannato al carcere e espulso

Uno scassinatore plurirecidivo attratto soprattutto da computer portatili e gioielli, era attivo in diverse località del canton Vaud tra il 2019 e il 2020. L'a...
08.05.2022
Svizzera

Condannato per aver filmato le colleghe quando erano in bagno

Un dipendente di una ditta di ingegneria dell'Alto Vallese è stato condannato per aver filmato le colleghe recarsi in bagno. Per un periodo di cinque anni, ave...
06.05.2022
Svizzera

Simula un infortunio gettandosi dalle scale, scoperto dopo aver incassato migliaia di franchi

Simulare una malattia o un infortunio per ricevere indebitamente le indennità dall'assicurazione non è un fatto nuovo, ma un giovane apprendista di W...
04.05.2022
Svizzera