Svizzera, 28 ottobre 2021

Per anni ha picchiato la sorella e terrorizzato i genitori, condannato a una pena sospesa

Per anni picchiava la sorella più piccola, finchè questa non ha trovato coraggio di sporgere denuncia. Un cittadino iracheno, oggi 20enne, residente nel canton Vaud è stato condannato a 4 mesi di carcere sospeso e a pagare 500 franchi di multa per aver, tra il 2017 e il 2020, ripetutamente colpito la sorella. Il giovane, nativo di Mosul, attaccava regolarmente sua sorella, tirandole i capelli e le orecchie e prendendola a calci e schiaffi quando si rifiutava di obbedirgli. In diverse occasioni ha usato un tubo dell'acqua e il cavo di un telefono cellulare per colpirla.

All'inizio di quest'anno, i colpi si sono fatti ancora più violenti. Prendeva a pugni e calci la giovane donna nelle costole, nelle scapole e nella testa, fino a farle perdere i sensi. In un occasione le ha stretto la gola, minacciandola di morte. Il giorno dopo l'attacco, il ragazzo ha anche minacciato i suoi genitori, che erano totalmente sopraffatti dalla situazione.

La vittima ha finalmente trovato il coraggio di presentare una denuncia contro suo fratello. Da allora, i due non vivono più insieme. L'imputato, residente nel Vallese centrale, è stato riconosciuto colpevole di lesioni personali semplici e aggravate, aggressione, danni alla proprietà e minacce.

Guarda anche 

Ladro complottista si fa denunciare dal suo stesso avvocato, finisce condannato al carcere e espulso

Uno scassinatore plurirecidivo attratto soprattutto da computer portatili e gioielli, era attivo in diverse località del canton Vaud tra il 2019 e il 2020. L'a...
08.05.2022
Svizzera

Condannato per aver filmato le colleghe quando erano in bagno

Un dipendente di una ditta di ingegneria dell'Alto Vallese è stato condannato per aver filmato le colleghe recarsi in bagno. Per un periodo di cinque anni, ave...
06.05.2022
Svizzera

Simula un infortunio gettandosi dalle scale, scoperto dopo aver incassato migliaia di franchi

Simulare una malattia o un infortunio per ricevere indebitamente le indennità dall'assicurazione non è un fatto nuovo, ma un giovane apprendista di W...
04.05.2022
Svizzera

L'organizzazione PETA chiede che siano vietati i combattimenti tra mucche regine

I combattimenti tra mucche della razza Hérens rappresentano una tradizione ormai centenaria del canton Vallese. Ma per l'associazione animalista PETA bisognere...
04.05.2022
Svizzera