Opinioni, 28 ottobre 2021

PSE: anche l’inclusione fa parte del progetto

È risaputo che lo sport favorisce la qualità della vita, permette le relazioni sociali, garantisce un tempo libero piacevole e positivo, aiuta a mantenersi in salute e questo non può che valere anche per le persone con una disabilità. Si parla spesso di inclusione ma promuovere veramente una mentalità inclusiva non è semplice e deve comunque partire da dei luoghi che esprimano questo concetto concretamente, con una progettazione senza barriere che garantisca la libertà fondamentale di tutti di muoversi autonomamente e sperimentare nuove attività. 

C'è quindi vera inclusione in una società, quando iniziamo a pensare a quali condizioni possano essere realizzate per far sì che si permetta a tutta la popolazione di crescere ed evolversi al meglio. Un impianto sportivo come quello previsto per il PSE può essere un luogo in cui promuovere e vivere l’inclusione nel quotidiano, grazie alla vicinanza dello sport di grande livello con quello paralimpico, forse oggi ancora considerato minore ma capace di fungere da stimolo e da esempio utile per dare un impulso di positività a tutto il movimento sportivo ticinese. Ci piacerebbe quindi vedere realizzato a Cornaredo – il prima possibile e non fra 20 anni - un punto d’incontro di riferimento
per il Ticino per tutte le discipline sportive per disabili come Handbike, Scherma paralimpica, Basket e molti altre. Un luogo che oltre agli aspetti logistici e di struttura sia capace di guardare a tutte le persone in un progetto dove la socialità diventa linfa generativa di un’anima della Città.  

Inoltre è fondamentale non sottovalutare il valore culturale delle discipline sportive, intese come un ambiente dove poter far crescere i giovani educandoli con una sensibilità umana accresciuta grazie alla vicinanza di atleti diversamente abili. Lo sport aiuta ed educa a superare le barriere dell’indifferenza e gli stereotipi della normalità perché, se guardiamo attentamente la realtà, scopriamo insieme che normale è solamente l’unicità di ciascun individuo. Unico e diverso sono sostanzialmente più dei sinonimi che non dei termini in contrapposizione, perché alimentano la ricchezza e la vita delle nostre comunità che necessitano oggi più che mai dei luoghi come il Polo Sportivo e degli Eventi.
 
 
 
Walter Lisetto
Presidente inSuperAbili
Sez. Associazione Svizzera dei Paraplegici Nottwil

Guarda anche 

Altri milioni per accogliere i finti rifugiati!? No, ora basta: le risorse servono al ceto medio

Durante la scorsa sessione, il gran consiglio ha bocciato il rapporto di maggioranza di Andrea Censi sulla Petizione del 10 dicembre 2019 presentata da 12 associazioni e ...
08.11.2022
Opinioni

Chi controlla gli abusi degli elicotteri?

Lo scorso 19 settembre avevo inviato al sig. Antonio De Nigris, capo dell’Ufficio del demanio e dell’aeroporto cantonale, una protesta contro i frequenti abus...
31.10.2022
Opinioni

Lo strabismo delle femministe rossoverdi

In Svizzera le donne hanno scioperato per protestare contro le discriminazioni di ogni genere che subiscono nel mondo del lavoro, e per chiedere parità di diritti ...
11.10.2022
Opinioni

Imposta preventiva: un Sì che giova a lavoro e gettito

Il prossimo 25 settembre saremo chiamati a votare sull’abolizione dell’imposta preventiva sulle obbligazioni. Non si tratta di una questione che riguarda p...
19.09.2022
Opinioni