Sport, 24 ottobre 2021

“Se vinci sei un fenomeno. Se perdi diventi un caso”

Oggi Basilea-Lugano. Croci Torti, criticato dopo Zurigo, sotto esame

LUGANO - Le parole sono di un ex allenatone italiano che per anni c andato per la maggiore. Nevio Scala. "Se vinci sei un fenomeno, se perdi diventi un caso". Si riferiva alla sua prima  esperienza di Parma: dopo aver portato la squadra in Serie A e in Europa (con tanto di trionfo in Coppa delle Coppe), venne messo all*indice per una serie di risultati negativi. Furono soprattutto i giornalisti a sfiduciarlo, come spesso succede nella Vicini Repubblica. Del resto, a chi legge regolarmente i quotidiani sportivi (Gazzetta, Corriere dello Sport, Tuttosport) non saranno sfuggiti i toni trionfalistici quando una squadra italiana vince e i toni fra il depresso e il melodrammatico quando perde. Cosi, tanto per capirci: dalla polvere agallare e viceversa, come se ne nulla fosse.


Una via di mezza, un compromesso, non esiste. Questo tipo di giornalismo ultimamente sembra aver fatto proseliti anche in Ticino (a vicinanza con l‘Italia è fatale). Basta sfogliare o guardare i mass media per rendersene conto. II caso più eclatante riguarda il tecnico del Lugano Mattia Croci Torti. Dopo essere stato osannato e glorificato per la serie di risultati positivi con i bianconeri (compreso anche il passaggio di turno di Coppa Svizzera contro lo Xamax) e per aver portato nello spogliatoio fiducia e serenità adesso è precipitato negli indici di gradimento. È bastata la sconfitta di Zurìgo (non contro una squadraqualsiasi ) per insinuare il tarlo del dubbio nelle menti degli addetti ai lavori.


Messe in dubbio alcune scelte tecniche e i cambi. Un po' più di coerenza, insomma, non sarebbe male: Mattia non è Arrigo Sacchi o Pep Guardiola, ma sa il fatto suo e merita maggior considerazione. Intanto però incombe il Basilea (oggi alle 16.30). una delle squadre candidate al titolo. Nelle ultime 7 partite contro i rossoblii il Lugano ha ottenuto 3 vittorie e 3 pareggi, incassando una sola sconfina.


Ecco Croci Torti: "Giocare contro il Basilea con lo studio vuoto è molto più facile. Con i loto tifosi ci sono in gioco molte altre emozioni e noi dobbiamo riuscìre a controllarle. Credo che nell'ultima partita era una squadra molto diversa da quella che affronteremo. Del resto il Basilea non guarda in faccia a nessuno, non gli interessa affatto contro chi gioca. Nei 16 i metri poi i renani sono letali. I tre attaccanti sono devastanti, però se sono primi in classifica è per le prestazioni di tutto il gruppo. Dal canto nostro dobbiamo trovare più costanza nella fase offensiva“.


Ultime dagli spogliatoi: Baumann e Guidotti sono sempre out. Maric e Bottani in dubbio.

B.C.

Guarda anche 

L’ex presidente Renzetti: “Paolo, un tecnico emotivo”

LUGANO - L’ex presidente Angelo Renzetti si gode qualche giorno di riposo nella sua Pescara, anche se conta di tornare in Ticino per la sfida odierna fra il Lu...
05.12.2021
Sport

Il leggendario Nummelin riscalda ancora i cuori

LUGANO - Quando Nummy entra in sala stampa viene accolto da un applauso. Qualche vecchio cronista coglie l'occasione per un selfie; altri lo prendono s...
06.12.2021
Sport

Italia-Inghilterra e la tragedia sfiorata: “A Wembley poteva morire qualcuno”

LONDRA (Gbr) – Se sul campo è finita con la vittoria ai rigori dell’Italia, che poi ha alzato al cielo di Wembley il trofeo di campione d’Europa,...
05.12.2021
Sport

Fora-Bertaggia: quando le bandiere non esistono più

LUGANO – Quella che si è chiusa, è e resterà una settimana che i tifosi di Ambrì e Lugano non dimenticheranno tanto facilmente. Non solo...
05.12.2021
Sport