Magazine, 08 ottobre 2021

Tradita, pubblica un video hot del marito. Rinviata a giudizio

Lui per non destare sospetti dava appuntamento all’amante su un camion. La moglie è stata rinviata a giudizio per revenge porn

CREMONA (Italia) – Una vendetta di ira, di gelosia che le costa ora un rinvio a giudizio per revenge porn, per aver diffuso in rete a un’amica gli incontri clandestini del marito e dell’amante. Il tutto è successo a Cremona, dove una 49enne è riuscita a prendere il telefonino del compagno e a scovare un video hot. Lo ha inviato a un’amica e poi lo ha condiviso in rete. Ma l’amante ha scoperto di essere stata filmata di nascosto: la moglie è stata rinviata a giudizio.
 
 
I fatti risalgono addirittura al 2019, quando il marito ogni venerdì – quando la moglie tradita si trovava a Milano – si incontrava con l’amante su un camion. “Non sapevo di essere filmata, non avrei dato il consenso”, ha spiegato l’amante quando ha presentato la denuncia sconvolta dopo aver visto le sue foto intime online.
 
 
La moglie deve rispondere di revenge porn, ovvero di aver diffuso senza consenso foto o video sessualmente espliciti, anche se si è difesa dicendo di aver condiviso il tutto solo a un’amica, quale prova della sua intenzione di separarsi dal marito infedele.

Guarda anche 

Non si piega al revenge porn. “Il mio video porno… una cosa naturale”

LONDRA (Gbr) – “È un qualcosa naturale”. Con queste semplici parole Tiwa Savage, una delle più note pop star nigeriane, ha reagito al rica...
11.10.2021
Magazine

Telefono hackerato e video hot privati finiti in rete: “Non sono io a dovermi vergognare”

ROMA (Italia) – Non è il primo e, purtroppo, non sarà l’ultimo caso di revenge porn che verrà alla luce. Ovviamente trattandosi di un per...
01.12.2020
Magazine

Il tradimento come arma letale

Quando hai bisogno di distruggere una struttura forte, hai bisogno di traditori all'interno. Devi trovare piccoli traditori per grandi cambiamenti. Altrimenti i costi...
03.11.2020
Opinioni

Tradisce la moglie svizzera con una camerunese: via il passaporto

Aveva ottenuto il passaporto rossocrociato grazie al matrimonio con una cittadina elvetica. Ma nonostante fosse sposato e vivesse in Svizzera, continuava a fare figli con...
29.11.2019
Svizzera