Sport, 27 settembre 2021

Lugano incandescente: i bianconeri possono volare

Vittoria preziosa, di carattere e di testa – specie quella di Croci-Torti- quella ottenuta a Lucerna con un Celar in gran spolvero

LUCERNA – Vincere a Lucerna non è mai facile. Vincere a Lucerna, contro una squadra che quest’anno non ha ancora vinto, era ancora più difficile proprio. Vincere a Lucerna contro Celestini, forse, è molto bello per il Lugano. Vincere a Lucerna contro Celestini, forse, per Mattia Croci-Torti – cresciuto molto in panchina con l’ex tecnico bianconero – deve essere stato davvero molto bello, come spiegato da lui stesso al termine del match. Anche perché la vittoria pesantissima ottenuta ieri dai bianconeri sul campo della Swissporarena, al netto della strepitosa partita disputata da Celar, porta la firma proprio del tecnico momò capace di leggere in corsa la partita, di apportare alcune modifiche tattiche decisive – come lo spostamento di Bottani a metà campo dopo i primi 15’ – mandando in tilt il pressing e l’idea di gioco del Lucerna e dello stesso Celestini.
 
Una vittoria quella maturata ieri, dicevamo, che porta la firma del Crus in panchina e di Celar in campo: l’ex Roma è stato autore di  una rete e di 2 assist. Uno per Abubakar – inspiegabile il fuorigioco inizialmente fischiato alla punta bianconera – e uno di petto per Bottani e pace se sul finale Osingwe ha dovuto riprendersi dalla figuraccia fatta sulla rete di Ugrinic per salvare la partita (il problema portiere comunque persiste, ndr), dopo le due clamorose occasioni sciupate da Amoura. Dopo i 2 punti gettati al vento in settimana contro il GC, questa volta il Lugano non poteva, non voleva e non doveva farsi recuperare un doppio vantaggio più che meritato.
 
Discorso a parte – anche se alla fine ha riaperto la contesa – va fatto per il rigore fischiato a Daprelà e trasformato da Sorgic. Vero, il difensore bianconero ha commesso un’ingenuità ma la sua trattenuta è stata leggerissima e simile a molte altre su cui 9 volte su 10 si sorvola… insomma, di questi rigori davvero ce ne sarebbero 2-3 a partita… 

Guarda anche 

Festa Lugano, Ticino in trionfo: il Crus nella storia

BERNA – “Ci credevo dallo scorso 2 settembre. Questo era l’obiettivo”. Parole e musica di Mattia Croci-Torti che ha così commentato ieri la...
16.05.2022
Sport

Lugano, è tutto vero! La Coppa Svizzera è tua!

BERNA – Era il sogno, neanche tanto nascosto, degli ultimi due mesi. Era l’obiettivo che il Lugano, i suoi tifosi e tutto il Canton Ticino avevano messo nel m...
15.05.2022
Sport

ACB raggiunto nei recuperi: la promozione è andata?

BELLINZONA - Adesso si fa davvero dura: il Bellinzona deve accontentarsi del pareggio sul campo della capolista Breitenrain (1-1) e vede così allontanarsi la ...
16.05.2022
Sport

“I nostri anni meravigliosi Malfanti il trascinatore”

LUGANO - Adriano Coduri ha quasi 85 anni e sente gli acciacchi della vita anche se non se ne cura troppo. Risiede sempre a Rancate, il paese in cui è cre...
15.05.2022
Sport