Sport, 08 luglio 2021

Piqué rosica per i rigori contro l’Italia… ma ha la memoria corta…

Il difensore spagnolo del Barcellona contesta il fatto che gli Azzurri, grazie alla monetina, abbiano vinto ai rigori contro gli iberici. Ma quando dagli 11 m ci eliminarono lì andava bene?

MADRID (Spagna) – Sarà Italia-Inghilterra la finale di Euro 2020. Sarà una sfida davvero interessante che si preannuncia equilibrata e tesa, perché entrambe le squadre hanno le carte in mano per alzare al cielo di Wembley l’ambito trofeo e perché entrambe le formazioni hanno compiuto un cammino davvero incredibile per giungere fino all’atto conclusivo (al netto del dubbio rigore concesso ai Tre Leoni nella semifinale contro la Danimarca).
 
 
Ci sarà l’Italia di Roberto Mancini domenica sera a Londra in campo. Gli Azzurri si sono qualificati martedì sera sconfiggendo in semifinale la Spagna ai calci di rigori, dopo aver sofferto, lottato con i denti per tutti i 120’ contro gli iberici che hanno fatto un gran possesso palla, senza però costruire chissà che. Alla fine di Donnarumma si ricorda la parata su Dani Olmo nel primo tempo e poco altro.
 
 
L’ormai ex portiere del Milan è stato invece bravissimo durante i calci di rigore, riuscendo a indurre lo stesso Dani Olmo all’errore, per poi parare il tentativo
di trasformazione di Morata. E su quei rigori c’è chi ha rosicato, e non poco. Stiamo parlando di Gerard Piqué che con la nazionale iberica ha conquistato il Mondiale 2010 e l’Europeo 2012 e che tramite i social ha polemizzato contro il metodo del sorteggio per decidere la prima squadra a calciare.
 
 
“Gli studi dicono che la prima squadra che calcia ha più possibilità di vincere. Non mi sembra giusto che una monetina ti faccia iniziare in svantaggio”, ha scritto su Twitter.
 
 
Piqué fa riferimento a quanto messo in luce da due economisti sperimentali spagnoli, Jose Apesteguia e Ignacio Palacios-Huerta, che analizzando la lotteria dei calci di rigori hanno stabilito che il sorteggio iniziale incide molto: chi lo vince riesce a trionfare dagli 11 m 60 volte su 100.
 
 
Piqué però ha la memoria corta: contro la Svizzera fu la Spagna ad iniziare a calciare e, così come l’italiano Locatelli, a sbagliare dal dischetto con Busquets. Strano che quella volta non si sia lamentato…

Guarda anche 

Shakira-Piquè un addio non solo per tradimenti: c’è un affare di soldi

BARCELLONA (Spagna) – È stato sicuramente l’addio che più ha lasciato a bocca aperta sia nel mondo sportivo, sia in quello canoro che in quello ...
30.06.2022
Magazine

In 2'000 assaltano l'enclave di Melilla, Sanchez: "un attacco alla Spagna"

L'assalto avvenuto venerdì a Melilla, quando circa 2'000 migranti africani hanno cercato di entrare con la forza nell'enclave spagnola in territorio...
26.06.2022
Mondo

I due bambini rapiti un anno fa dalla madre non faranno ritorno in Spagna

I due gemelli spagnoli di 8 anni portati di nascosto dalla madre in Svizzera un anno non faranno ritorno in Spagna, perlomeno nel breve termine. Con una sentenza che ha s...
23.06.2022
Svizzera

“La formula 1 in Svizzera? Al momento sono scettico”

LUGANO - L’abrogazione di una legge ormai ultra datata (dal 1955) e la possibilità che in Svizzera si possa tornare a correre in circuito potrebbe aprir...
23.06.2022
Sport