Svizzera, 15 giugno 2021

"I sindacati svizzeri sono opachi sulle loro pratiche finanziarie"

Nelle ultime settimane il Parlamento si è occupato, tra le altre cose, della trasparenza con cui viene finanziata la politica e sia il Consiglio nazionale che il Consiglio degli Stati hanno chiesto misure per rendere più trasparente il finanziamento della politica. Allo stesso tempo, il Consiglio federale ha annunciato che le regole per le banche di importanza sistemica saranno inasprite mentre le società private devono già sottostare a diversi requisiti per rendere conto dei loro flussi finanziari. "Una tendenza chiara", scrive il giornale svizzerotedesco "Handelszeitung", secondo cui le aziende e i partiti politici sono sempre più tenuti a rendere conto dei loro flussi finanziari. Tendenza a cui però ancora sfuggono i sindacati che sarebbero "sorprendentemente opachi sulle loro pratiche finanziarie". Sulla questione l'"Handelszeitung" ha pubblicato lo scorso 10 giugno un articolo intitolato "Sindacati nella nebbia", di cui vi proponiamo di seguito un estratto:

--------------------------------------------------------------------------------

Nella sessione parlamentare in corso, il Consiglio nazionale e il Consiglio degli Stati hanno chiesto più trasparenza nel finanziamento della politica. Nella stessa settimana, il Consiglio federale ha annunciato che avrebbe ulteriormente inasprito i regolamenti per le banche di importanza sistemica. Le società private, in particolare, hanno un obbligo di reporting completo e la loro contabilità deve soddisfare severi requisiti legali. La tendenza è evidente: Oltre alle aziende, i partiti politici sono ora tenuti a rendere conto dei loro flussi finanziari. Il governo federale, i cantoni e i comuni forniscono anche informazioni dettagliate su entrate e uscite nei loro conti annuali. Anche le associazioni come la brass band society o la countrywomen's association rivelano i loro conti annuali.

I sindacati svizzeri, d'altra parte, sono sorprendentemente opachi sulle loro pratiche finanziarie. Non ci sono conti annuali accessibili al pubblico sul sito web dell'organizzazione ombrello SGB. Il rapporto annuale di Travail Suisse è riccamente illustrato, ma non dà informazioni sui flussi finanziari. E Unia, la forza di lotta sindacale sempre più radicale, ci informa che le "entrate sindacali" nel 2019 ammontano a ben 143 milioni di franchi svizzeri, ma siamo lasciati all'oscuro di come si compongono le voci di entrata. Almeno Unia ci informa che la maggior parte delle sue entrate sono spese per gli oltre 1.200 funzionari del sindacato, mentre i benefici per i propri membri del sindacato rappresentano solo il 6%. Cresce l'impressione che l'associazione comunale di allevatori di conigli in questo paese sia più aperta sul suo comportamento finanziario rispetto alle grandi organizzazioni di lavoratori.

Da dove provengono le entrate dei sindacati si può solo indovinare. Il partenariato sociale lodato dal Consiglio federale, e soprattutto dal ministro della giustizia, ha effettivamente giocato un ruolo decisivo nell'odissea nel cul-de-sac politico europeo. Tuttavia, all'elettorato non viene data alcuna informazione su come questo "partenariato" viene finanziato. L'ultimo rapporto della Seco sull'attuazione delle misure di accompagnamento testimonia effettivamente la dilagante attività burocratica delle parti sociali per impedire la concorrenza salariale. Solo brevemente il Dipartimento dell'economia fornisce informazioni sulle decine di milioni di franchi svizzeri versati dalla Confederazione alle parti sociali per questo scopo.

Non vengono fornite cifre su quanti milioni di franchi vengono pagati dai cantoni per le attività di controllo delle parti sociali nelle imprese. Una recente sentenza di un tribunale della regione di Basilea ha stabilito che il compenso forfettario per le ispezioni dei cantieri era grossolanamente eccessivo e che i contribuenti dovevano pagare il conto. Per capire l'opposizione fondamentale dei sindacati alla politica europea, ma anche a qualsiasi liberalizzazione del mercato del lavoro, è necessario divulgare i bilanci sindacali. Questo è dovuto alla democrazia diretta, specialmente quando le organizzazioni dei lavoratori sono anche finanziate con denaro pubblico.

Guarda anche 

Effetti del Covid-19, i sindacati chiedono un Osservatorio sul frontalierato

Convocare l’Osservatorio sul frontalierato per verificare dimensioni e numeri del fenomeno nell’anno del Covid-19. Ad avanzare la richiesta, come riferisce il...
17.04.2021
Ticino

Accordo quadro, il Consiglio federale continua a non convincere

Sindacati e rappresentanti del padronato hanno incontrato mercoledì a Berna i consiglieri federali Ignazio Cassis e Guy Parmelin per discutere dell'accordo qua...
14.03.2019
Svizzera

Viaggio della Posta in Vietnam per 200'000 franchi, l'imbarazzo arriva in Consiglio federale

Il presidente del consiglio di amministrazione della Posta, il Consigliere agli Stati Urs Schwaller (PPD/FR, nella foto) ha invitato oggi i dirigenti a mostrare "sen...
02.02.2019
Svizzera