Ticino, 31 maggio 2021

Manifestazione di odio verso Marco Borradori, il Movimento Giovani Leghisti esprime la propria solidarietà al Sindaco!

E questi sarebbero pacifici?? Ecco un video che mostra il vero volto dell'autogestione a Lugano...

Gli MGL sostengono le scelte del Sindaco Marco Borradori!
 
In seguito allo smantellamento dell’ex macello, gli ex molinari si sono recati presso il domicilio del sindaco, violando la sua intimità e minacciando la sua persona con l’ennesima manifestazione non autorizzata. 
 
Quella che segue doveva essere la nostra presa di posizione in merito ai fatti del 29.05.21: siamo sempre più convinti che la scelta è stata quella giusta vedendo le ripercussioni e gli atteggiamenti che stanno avendo gli autogestiti.
 
Correva l’8 marzo quando il nostro Sindaco di Lugano, Marco Borradori, comunicava l’ipotesi di uno sgombero del Molino. Il tutto scatenato dopo che l’ennesima manifestazione non autorizzata, organizzata da membri riconducibili al CSOA, è sfociata in violenze e disagi presso la stazione FFS di Lugano. Nonostante “la misura fosse colma”, per riportare le parole del Sindaco, il Municipio di Lugano si è detto più volte disposto a seguire la via del dialogo, purtroppo non trovando la stessa volontà negli autogestiti.
Il 29 maggio 2021, il CSOA organizzava una manifestazione non autorizzata contro la frangia leghista del Municipio in Piazza Manzoni (inizialmente doveva essere in Piazza Riforma), svolta pacificamente, senza scontri o danneggiamenti.
Purtroppo, verso le 19:00, invece di ritornare all’ex Macello, gli autogestiti hanno deciso di fare una deviazione e occupare lo stabile privato ex Vanoni, in via Simen. Questo gesto insensato e provocatorio, l’ennesimo, ha costretto il Municipio ad autorizzare l’intervento delle forze dell’ordine per ripristinare l’ordine e la legalità, sgomberando lo stabile ex Vanoni e in contemporanea l’ex Macello con la conseguente demolizione.
Nessuno si aspettava e sperava di dover arrivare a tanto, alcuni urlano alla mancanza di proporzionalità, ma fatto sta che dopo quasi 20 anni di abusi, provocazioni e danneggiamenti a danno dei contribuenti luganesi e ticinesi, non si poteva più permettere che atteggiamenti del genere, al di sopra delle righe e della pacifica convivenza, venissero accettati in una società civile e democratica.
Come Movimento Giovani Leghisti troviamo giusto che ci sia un’altra visione politica con la quale potersi confrontare e discutere costruttivamente, soprattutto sui temi che riguardano i giovani, il loro bisogno di spazi e la loro voglia di esprimersi.
Sia chiaro; nessuno è contro l’autogestione, ma quest’ultima dev’essere portata avanti con civiltà, legalità e rispetto. La demolizione dell’ex Macello non dev’essere visto come un atto di forza, ma secondo noi come la possibilità di creare qualcosa di nuovo, un punto d’incontro aperto a tutti, dove chiunque, indipendentemente dagli ideali e dallo schieramento politico, possa esprimersi liberamente senza alcuna paura.
 
MGL

Guarda anche 

Il Consigliere di Stato Norman Gobbi in visita in alcuni Comuni del Mendrisiotto

Continuano le visite del Direttore del Dipartimento delle istituzioni Norman Gobbi nei Comuni ticinesi. I temi all’ordine del giorno degli appuntamenti con alcun...
17.05.2022
Ticino

Rissa a due passi dal confine: spunta una coltellata

Una violenta rissa è avvenuta ieri sera in Via Bellinzona a Ponte Chiasso, a pochi passi dalla dogana. Una decina di persone sono state coinvolte nella lite, fr...
17.05.2022
Ticino

Identificati i cinque giovani protagonisti della rissa fuori al Woodstock

Notte di botte, quella di sabato scorso all’esterno del Woodstock Music Pub di Bellinzona. La rissa – riporta La Regione – ha richiesto l’inter...
17.05.2022
Ticino

Cassis e la gaffe di Coppa. Il capitano del Lugano? "Croci-Torti"  

Il Lugano ha conquistato la Coppa Svizzera. Il trofeo nelle mani di capitan Sabbatini è stato consegnato dal presidente della Confederazione Ignazio Cassis, pro...
17.05.2022
Ticino