Ticino, 03 novembre 2020

La violenza degli autogestiti e l’ipocrisia della sinistra

L’ipocrisia della sinistra luganese emerge plateale dalle reazioni all’ultima manifestazione illegale e violenta dei cosiddetti autogestiti, tenutasi lo scorso venerdì in Piazza Molino Nuovo e poi in centro.

Dato che a prendersi una testata da un’autocertificata ”anarchica” è stata la giornalista di un foglio di sinistra (LaRegione) ecco che improvvisamente giunge anche la condanna socialista. Vedi al proposito le dichiarazioni del presidente della sezione PS di Lugano apparse sul CdT di lunedì.

Addirittura un dirigente cantonale del PS, oltretutto dipendente della Città di Lugano, ha deplorato gli atti vandalici sulla fontana di Molino Nuovo in quanto progettata da un architetto di sinistra (Tita Carloni). Fosse stata progettata da un architetto di destra, ne avrebbe giustificato non solo l’imbrattamento, ma anche la demolizione? E su tutti gli altri beni pubblici (quindi di proprietà del suo datore di lavoro) e privati danneggiati venerdì sera, questo illuminato signore non ha nulla da dire?

Curiosamente, quando nel settembre del 2019 i “molinari” - ancora una volta nell’ambito di una manifestazione illegale - sfilavano in via Monte Boglia, vandalizzando edifici privati e berciando minacce di morte contro il sindaco Borradori ed altri esponenti della Lega, non solo il presidente della sezione socialista di Lugano non aveva nulla da dire, ma presenziava alla manifestazione assieme alla municipale socialista ed ai vertici del suo partito.

Si ricorda inoltre che il PS ha sempre protetto ad oltranza gli okkupanti dell’ex Macello, ed anzi vorrebbe lasciarli lì anche dopo che la città avrà (forse) investito 26 milioni di Fr di proprietà del contribuente luganese - quello che deve attenersi alle regole e rispettare le leggi, al contrario degli autogestiti sponsorizzati dai socialisti - per riqualificare il sedime.

In questo contesto, che il presidente sezionale PS ancora si metta a disquisire sul fotomontaggio pubblicato sulla prima pagina del Mattino che mostra una ruspa all’ex Macello, è talmente grottesco da non meritare nemmeno un commento.


Lorenzo Quadri
Municipale di Lugano
Lega dei Ticinesi

Guarda anche 

Tra nazionali e quarantene, il Lugano si incarta a Ginevra

GINEVRA – Avevamo lasciato il Lugano 2 settimane fa clamorosamente in vetta alla classifica. Una posizione alla quale i bianconeri, ovviamente, non sono abituati ma...
23.11.2020
Sport

Materiale bellico: ennesima iniziativa autolesionista

Il 29 novembre i cittadini saranno chiamati a votare sull’iniziativa popolare “Per il divieto di finanziare i produttori di materiale bellico”. L’...
22.11.2020
Svizzera

“Il gol di Carr nel derby? L’ultima sua azione con la maglia del Lugano”

LUGANO – Non è sceso in pista martedì contro il Friborgo, quando il Lugano ha ottenuto la sua terza vittoria consecutiva, dopo aver firmato la sua qua...
19.11.2020
Sport

Giornalai e politicanti italici ancora contro la Svizzera

E’ ora che i vicini a sud comincino a tirarsi assieme. Perché ne abbiamo piene le scuffie delle sparate contro il Ticino da parte di politicanti d’oltr...
16.11.2020
Svizzera