Ticino, 13 maggio 2021

Contro di lui c'è un divieto di entrata in Svizzera, ma si è sposato e vive in Ticino

Vi ricordate il caso del giovane studente della CSIA al centro di numerose manifestazioni  di sostegno quando venne rimpatriato in Ucraina insieme ai suoi genitori nell’ottobre 2019, oltre due anni dopo che le loro domande d’asilo in Svizzera erano state respinte?

Ebbene, ci sono stati degli sviluppi. Già il giorno dopo il loro rimpatrio la Segreteria di Stato della migrazione (SEM) aveva emesso nei confronti dei genitori e del figlio dei divieti d’entrata in Svizzera della durata di tre anni.

I provvedimenti si giustificavano con il fatto che essi si erano rifiutati di lasciare la Svizzera entro i termini impartiti e avevano quindi dovuto essere allontanati con un rimpatrio forzato.

La SEM non avrebbe potuto fare altrimenti. Una direttiva europea, adottata anche dalla Svizzera, prevede infatti che chiunque non ottemperi all’obbligo di rimpatrio
debba essere oggetto di un divieto d’entrata.

L’avvocato Immacolata Iglio Rezzonico ha presentato ricorso contro i tre divieti d’entrata ma il Tribunale amministrativo federale (TAF), con sentenza pubblicata ieri, li ha respinti. I giudici rimarcano che “i ricorrenti hanno infranto di propria volontà e, si può quasi dire, con ostinazione, la LStrI e la normativa Schengen, per cui un divieto d’entrata di tre anni soddisfa, in linea di massima, le esigenze del principio di proporzionalità riguardo alla sua idoneità, alla sua necessità e alla sua preponderanza per la difesa dell’ordine e della sicurezza pubblici svizzeri”.

Lo scorso 31 marzo era invece stato stralciato il ricorso del figlio. Dalla sentenza si apprende che egli è convolato a nozze con una cittadina svizzera e quindi ora risiede legalmente in Ticino.

Guarda anche 

Una sentenza del Tribunale federale potrebbe far lievitare i costi della sanità

Una recente decisione del Tribunale federale (TF) potrebbe far lievitare i costi della sanità. I giudici di Mon Repos si sono infatti pronunciati a favore di una m...
18.06.2024
Svizzera

Un predicatore islamico condannato per frode e razzismo non dovrà lasciare la Svizzera

Il predicatore islamico Abu Ramadan non dovrà lasciare la Svizzera, nonostante una condanna di espulsione in primo grado. Lo ha deciso venerdì l'Alta Co...
15.06.2024
Svizzera

Il Canton Berna introduce per primo la carta di pagamento per richiedenti l'asilo

Il Canton Berna potrebbe essere il primo cantone a introdurre un sistema di carte di pagamento per i richiedenti l’asilo. Il Gran Consiglio bernese ha infatti ap...
14.06.2024
Svizzera

Licenziare un lavoratore in malattia non è per forza illegale, secondo il Tribunale federale

Il Tribunale Federale (TF) ha recentemente preso una decisione che, in alcuni casi, pregiudica la tutela dei dipendenti contro il licenziamento durante il congedo per mal...
09.06.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto