Sport, 10 maggio 2021

Lo Zugo vuole aprire un’epoca dominante

ZUGO - Dopo 23 anni di lungo digiuno lo Zugo ha finalmente colto il suo secondo titolo nazionale. Dal 1998 ad oggi, soltanto quattro squadre avevano vinto i playoff: Berna, Davos e Zurigo (6 volte) e il Lugano (3). Ora le gerarchie sembrano cambiate e lo squadrone della Svizzera Centrale vuole aprire un ciclo dominante, nel quale cercherà di far valere una disponibilità economica superata solo dal Berna e aggiungere alla suo già notevole parco giocatori, nuovi elementi di qualità.


Questo titolo, a non dubitarne, è il frutto di un lavoro iniziato nel 2018 con l’arrivo del tecnico norvegese Dan Tangnes: dopo anni di gestioni canadesi (Simpson, Shedden e Kreis) a Zugo è giunta aria fresca dal Nord Europa, con un head coach poco conosciuto alle nostre latitudini ma sicuramente dotato. Dopo due anni e mezzo e una pandemia in mezzo con tanto di annessi e connessi, i Tori hanno finalmente raggiunto l’obiettivo che il tecnico scandinavo si era prefissato quando giunse in Svizzera.


E così, la squadra è decollata definitivamente, dominando la regular season, nella quale ha vinto 40 partite su 52 ed ha pure stabilito un nuovo record di punti (119). C’è di più: solo in una circostanza lo Zugo ha perso due partite consecutive.


In questa fase così come nei playoff sono usciti fuori il gruppo, la sua solidità mentale e fisica e naturalmente il talento dell’attaccante ceko Kovar, l’istinto realizzativo di Hofmann e del ticinese Simion (33 reti in regular season e 9 nei playoff) oltre che del portiere Genoni, una vera saracinesca.
A loro vanno aggiunti capitan Diaz, che dalla prossima stagione militerà nel Friborgo ma anche i vari Alatalo (che non ha giocato gara 3 contro il Ginevra perché squalificato), Klingberg, Abdelkader, Albrecht, Martschini e Shore.


Sarà ora interessante vedere come lo Zugo gestirà la conquista del titolo dopo 23 anni di lunga attesa. Sì, perché sul piede di partenza, oltre a Diaz, ci sono anche Hofmann e Geisser (che tenteranno l’avventura in National Hockey League). Al capitolo arrivi, per ora, si segnalano il difensore Kreis (che nelle intenzioni dovrebbe sostituire Diaz) e gli attaccanti Suri ed Herzog. Non sarà facile confermarsi, anche perché Berna, Zurigo, Lugano e le romande non staranno a guardare.

Guarda anche 

Ecco (forse) il vero Lugano di McSorley…

LUGANO – Vi ricordate il Lugano di ottobre? Quello che aveva paura anche della sua stessa ombra, quello capace di vincere praticamente solo con l’Ajoie e una ...
02.12.2021
Sport

“Mi è tornata la passione grazie ai ragazzi che alleno”

LUGANO - Tanti infortuni, tre operazioni, tanta sofferenza fisica e morale ma alla fine Christian Stucki è riuscito ad uscire dall’incubo. Ha sme...
30.11.2021
Sport

HCL, ancora troppi errori individuali

LUGANO - Alcune considerazioni dopo la sfida fra i bianconeri e il Friborgo di venerdì sera, sfida terminata con la vittoria degli ospiti all'overtime (3-...
29.11.2021
Sport

Chad Silver, la fine tragica di un ragazzo perbene

Il 1998 verrà ricordato per le gesta sportive della Francia multietnica campione del mondo, per la doppietta di Marco Pantani (Giro e Tour), per il caso Fes...
25.11.2021
Sport