Sport, 10 maggio 2021

Lo Zugo vuole aprire un’epoca dominante

ZUGO - Dopo 23 anni di lungo digiuno lo Zugo ha finalmente colto il suo secondo titolo nazionale. Dal 1998 ad oggi, soltanto quattro squadre avevano vinto i playoff: Berna, Davos e Zurigo (6 volte) e il Lugano (3). Ora le gerarchie sembrano cambiate e lo squadrone della Svizzera Centrale vuole aprire un ciclo dominante, nel quale cercherà di far valere una disponibilità economica superata solo dal Berna e aggiungere alla suo già notevole parco giocatori, nuovi elementi di qualità.


Questo titolo, a non dubitarne, è il frutto di un lavoro iniziato nel 2018 con l’arrivo del tecnico norvegese Dan Tangnes: dopo anni di gestioni canadesi (Simpson, Shedden e Kreis) a Zugo è giunta aria fresca dal Nord Europa, con un head coach poco conosciuto alle nostre latitudini ma sicuramente dotato. Dopo due anni e mezzo e una pandemia in mezzo con tanto di annessi e connessi, i Tori hanno finalmente raggiunto l’obiettivo che il tecnico scandinavo si era prefissato quando giunse in Svizzera.


E così, la squadra è decollata definitivamente, dominando la regular season, nella quale ha vinto 40 partite su 52 ed ha pure stabilito un nuovo record di punti (119). C’è
di più: solo in una circostanza lo Zugo ha perso due partite consecutive.


In questa fase così come nei playoff sono usciti fuori il gruppo, la sua solidità mentale e fisica e naturalmente il talento dell’attaccante ceko Kovar, l’istinto realizzativo di Hofmann e del ticinese Simion (33 reti in regular season e 9 nei playoff) oltre che del portiere Genoni, una vera saracinesca.
A loro vanno aggiunti capitan Diaz, che dalla prossima stagione militerà nel Friborgo ma anche i vari Alatalo (che non ha giocato gara 3 contro il Ginevra perché squalificato), Klingberg, Abdelkader, Albrecht, Martschini e Shore.


Sarà ora interessante vedere come lo Zugo gestirà la conquista del titolo dopo 23 anni di lunga attesa. Sì, perché sul piede di partenza, oltre a Diaz, ci sono anche Hofmann e Geisser (che tenteranno l’avventura in National Hockey League). Al capitolo arrivi, per ora, si segnalano il difensore Kreis (che nelle intenzioni dovrebbe sostituire Diaz) e gli attaccanti Suri ed Herzog. Non sarà facile confermarsi, anche perché Berna, Zurigo, Lugano e le romande non staranno a guardare.

Guarda anche 

Dopo 22 anni in bianconero Sannitz dice «basta!»

LUGANO -  La notizia era ufficiosa fino a pochi minuti fa, in pochi si aspettavano che potesse decidere di rinnovare il suo contratto in scadenza col Lugano e, ...
09.06.2021
Sport

Rigori amari, ma così è inaccettabile...

RIGA (Lettonia) – Nel 2018 ci fermammo al palo e ai rigori, in finale contro la Svezia. Nel 2019 fu una rete canadese a meno di 1” dal 60’ a mandarci al...
04.06.2021
Sport

Mamma che delusione: Svizzera eliminata!

RIGA (Lettonia) – Abbiamo sudato, sia sul ghiaccio, che sulle tribune, sia sui nostri divani di casa. Abbiamo stretto i denti assieme ai ragazzi di Fischer ma alla ...
03.06.2021
Sport

Sotto con la Germania per continuare il sogno

RIGA (Lettonia) – Dopo il giorno di riposo, che ha fatto seguito all’ennesima scorpacciata di reti rifilate alla Gran Bretagna, oggi la Svizzera torna in pist...
03.06.2021
Sport