Sport, 02 maggio 2021

“Jacobacci da confermare con o senza … Europa”

Nostra intervista con l`ex nazionale rossocrociato Alberto Regazzoni

LUGANO - L’ex bianconero e rossocrociato Alberto Regazzoni segue sempre con grande interesse le vicende della squadra che lo lanciò nel mondo del professionismo. L’indimenticato Roberto Morinini aveva intuito che il 17enne attaccante aveva delle qualità e non si preoccupò per nulla della sua giovanissima età quando decise di farlo esordire nella primavera del 2000. Da allora di acqua ne è passata sotto i ponti, e il buon Alberto, dopo aver peregrinato sui campi della Confederazione, ora si diverte a fare l’opinionista sportivo. Senza troppi peli sulla lingua, per altro. Alla vigilia di Zurigo-Lugano, partita-chiave per entrambe le formazioni, lo abbiamo sentito per fare il punto sul campionato e sui bianconeri.


Regazzoni: oggi il Lugano gioca al Letzigrund… 
Partita grama. Loro sono con l’acqua alla gola. Stanno davanti al Vaduz di due soli punti e quindi giocheranno con il coltello fra i denti. I bianconeri non dovranno essere da meno, anche se potrebbero sfruttare al meglio le loro caratteristiche: gli avversari cercheranno di attaccare e il Lugano potrebbe trarne vantaggio con le ripartenze… 


Attuando insomma il gioco prediletto.
Esattamente. La squadra ticinese è quadrata, solida, subisce pochi gol grazie a questo atteggiamento tattico. Quando riesce ad impostare la partita sulle ripartenze, fa sempre male ed ottiene il massimo. Ripeto: è la sua caratteristica. 


Paradosso: quando si esprime con un buon calcio, a volte perde. Come contro Servette domenica scorsa. 
Quella è stata una partita strana, decisa nei primi minuti da un infortunio di Daprelà. Quando è stata costretta ad uscire dal proprio guscio per cercare il pareggio, la squadra si è mossa bene, creando diverse occasioni. Ma in generale il Lugano ottiene risultati quando può ripartire. È un gioco che può piacere o meno, io non ne vado matto. Ma se si ottengono punti così, ben venga.


L’Europa è sempre lì.
Un traguardo a portata di mano per quattro squadre. Anche se vedo il Basilea favorito: ha la rosa migliore rispetto alle altre. Se la giocano comunque i renani, il Servette, il Lugano e il Losanna. Sembra che Stocker e soci da quando hanno cacciato Sforza siano risorti. Il feeling con il tecnico era comunque finito da tempo... 


A proposito di Europa: contro il Servette i bianconeri hanno sprecato una grossa occasione. 
Contro una squadra, oltretutto, reduce da due scoppole (contro Basilea e Sion, incassando ben dieci reti). A Cornaredo Alain Geiger ha sistemato la difesa e i risultati si sono visti.


Al Lugano mancava Maric.
Un giocatore di grande personalità, un leader. Uno come lui è fondamentale per il gioco difensivo. La sua assenza si è fatta sentire ma secondo me non è stata decisiva. Si vince e si perde da squadra. Il singolo, sia nel bene che nel male, non è determinante. 


Da un difensore agli attaccanti. A Lugano il piatto piange. 
Premesso che Ardaiz e Abubakar sono due buoni attaccanti, sono convinto che a questa squadra il problema offensivo non sia ancora stato risolto del tutto. È dai tempi di Armando Sadiku che manca una punta efficace, un uomo che dentro l’aria fa sfracelli. Alla lunga questa anomalia può creare problemi.


Soluzione?
Bisogna aver pazienza. Anche se capisco che non sia facile. Secondo me ci sono due possibilità: o si punta su un giovane di qualità oppure si mette mano al portafoglio. La seconda opzione mi sembra meno percorribile. 


Capitolo allenatore: confermerebbe Jacobacci?
Maurizio sta facendo un buon lavoro. È una persona intelligente che sa sfruttare al meglio le caratteristiche dei suoi giocatori. Sinora ha fatto bene, anche se ogni tanto il presidente Renzetti lo punzecchia. Il Mister ha molta pressione addosso ma in questi mesi, con il Covid-19 di mezzo, se l`è cavata bene. Io lo confermerei: con o senza qualificazione all`Europa. Quando si crede in un tecnico e nel suo progetto si continua con lui, anche se a fine stagione non si raggiunge l`obiettivo sperato. Sinora ha fatto bene e sono convinto che i bianconeri lotteranno sino alla fine per entrare nella nuova Conference League, un traguardo molto ambito.

M.A.

Guarda anche 

Lugano e il problema dei “soli” 4 stranieri

LUGANO – Poche settimane prima dell’avvio della stagione, e con la Champions Hockey League che si stava avvicinando, alcuni rumors davano il Lugano sulla stra...
17.09.2021
Sport

La Svizzera ringrazia l’YB… e quel rinvio col Lugano ora fa meno discutere

BERNA – Battere Cristiano Ronaldo. Superare il Manchester United. Diventare la seconda squadra contro cui il fenomeno portoghese ha sempre e solo perso in carriera,...
15.09.2021
Sport

In fuga dall’Afghanistan e dai Talebani: la nazionale di calcio femminile trova riparo

ISLAMABAD (Pakistan) – In fuga dall’Afghanistan, in fuga dai talebani. In fuga dalle assurde regole che (tra le tante aberrazioni anche più gravi) viet...
16.09.2021
Sport

Clamoroso: in FIFA 22 non ci sarà la Svizzera!

BERNA – C’è sgomento anche in seno alla Federazione svizzera di calcio: la Nazionale rossocrociata, infatti, sarà una delle squadre che non sara...
14.09.2021
Sport