Svizzera, 20 aprile 2021

Rifugiato a processo per tentato stupro, sesso con pecore, minacce e furti: "Mai vista una cosa del genere"

Vive in Svizzera solo dal 2015 ma ne ha già combinate di tutti i colori. Tentato stupro di una ragazza, sesso con animali, furti, consumo di droga, minacce contro dei funzionari e persino contro il ministero pubblico. “In venticinque anni di attività – ha ammesso il suo difensore d’ufficio, avvocato Rolf Rätz – non ho mai visto una cosa del genere”.

Lui, l’imputato, è un 33enne eritreo comparso alla sbarra ieri a Bienne per rispondere di una lunga serie di accuse. Come si legge sul Blick, il reato più grave che gli viene imputato è un tentativo di stupro ai danni di una ragazza avvenuto nel marzo 2020 a Brügg (BE).

Non solo. Il rifugiato viene anche accusato di essere entrato almeno sei volte in una stalla – sempre l’anno scorso e sempre nel canton Berna - e di aver ripetutamente abusato sessualmente di due pecore. Durante le sue incursioni in fattoria, avrebbe pure
commesso furti e danneggiamenti. E quando finalmente è stato scoperto dalla polizia, ha minacciato gli agenti con un coltello da cucina.

L’eritreo - scrive ancora il Blick - si è giustificato spiegando di essere un consumatore abituale di droghe e alcool. Un presunto esperto gli ha diagnosticato un “disturbo schizoaffettivo”. Il suo avvocato difensore ha quindi chiesto che non venga condannato ma curato con una terapia ambulatoriale.

Il ministero pubblico invece chiede 18 mesi di carcere e 8 anni di espulsione dalla Svizzera. Si noti che la procuratrice pubblica Verena Jezler ha ben motivo di considerare pericoloso l’eritreo. In un’occasione durante gli interrogatori lui ha minacciato di gettarle addosso un tavolo, di sputarle addosso, di uccidere il traduttore e infine di avere rapporti anali con lui.

Il processo si è concluso ieri. La sentenza è attesa per mercoledì.

Guarda anche 

Riceve 35'000 franchi al mese dall'ex marito ma gli saccheggia la casa di vacanza

È una vicenda piuttosto curiosa quella descritta in una sentenza in cui una donna francese viene condannata per aver "svaligiato" la casa di vacanza dell...
05.05.2021
Svizzera

Condannato il ladro di Montagnola, ma il fratello è ancora in fuga con la refurtiva

È stato condannato a una pena di dieci mesi di carcere, sospesi condizionalmente, il 23enne cittadino croato che nell’estate 2019 rubò oggetti prezios...
04.05.2021
Ticino

Condannato ed espulso, ma potrà restare in Svizzera

Venti mesi di detenzione, delle misure terapeutiche stazionarie e otto anni di espulsione dalla Svizzera. È questa la sentenza pronunciata dal tribunale di Bienne ...
22.04.2021
Svizzera

Ha spacciato per anni a Lugano: niente carcere né espulsione

Non andrà in carcere né sarà espulso dalla Svizzera il 45enne nigeriano comparso stamattina in aula a Lugano con l’accusa di aver spacciato coc...
21.04.2021
Ticino