Svizzera, 20 aprile 2021

Rifugiato a processo per tentato stupro, sesso con pecore, minacce e furti: "Mai vista una cosa del genere"

Vive in Svizzera solo dal 2015 ma ne ha già combinate di tutti i colori. Tentato stupro di una ragazza, sesso con animali, furti, consumo di droga, minacce contro dei funzionari e persino contro il ministero pubblico. “In venticinque anni di attività – ha ammesso il suo difensore d’ufficio, avvocato Rolf Rätz – non ho mai visto una cosa del genere”.

Lui, l’imputato, è un 33enne eritreo comparso alla sbarra ieri a Bienne per rispondere di una lunga serie di accuse. Come si legge sul Blick, il reato più grave che gli viene imputato è un tentativo di stupro ai danni di una ragazza avvenuto nel marzo 2020 a Brügg (BE).

Non solo. Il rifugiato viene anche accusato di essere entrato almeno sei volte in una stalla – sempre l’anno scorso e sempre nel canton Berna - e di aver ripetutamente abusato sessualmente di due pecore. Durante le sue incursioni in fattoria, avrebbe pure commesso furti e danneggiamenti. E quando finalmente è stato scoperto dalla polizia, ha minacciato gli agenti con un coltello da cucina.

L’eritreo - scrive ancora il Blick - si è giustificato spiegando di essere un consumatore abituale di droghe e alcool. Un presunto esperto gli ha diagnosticato un “disturbo schizoaffettivo”. Il suo avvocato difensore ha quindi chiesto che non venga condannato ma curato con una terapia ambulatoriale.

Il ministero pubblico invece chiede 18 mesi di carcere e 8 anni di espulsione dalla Svizzera. Si noti che la procuratrice pubblica Verena Jezler ha ben motivo di considerare pericoloso l’eritreo. In un’occasione durante gli interrogatori lui ha minacciato di gettarle addosso un tavolo, di sputarle addosso, di uccidere il traduttore e infine di avere rapporti anali con lui.

Il processo si è concluso ieri. La sentenza è attesa per mercoledì.

Guarda anche 

Rimane paralizzato dopo aver cercato di rubare i fili dell'alta tensione

Un cittadino svizzero e un cittadino bulgaro si trovano sotto processo per aver tentato, nella notte tra il 20 e il 21 giugno 2020, di rubare 960 chili di rame dalle line...
20.10.2021
Svizzera

Non vuole portare la mascherina in tribunale allora l'udienza si tiene all'aperto

Come rispettare il diritto di essere ascoltato di un uomo che non vuole indossare la mascherina in nessuna circostanza? Questa è la questione che ha dovuto affront...
19.10.2021
Svizzera

Poliziotta a processo perchè aveva due lavori a tempo pieno

Per circa un anno una ex agente della polizia cantonale di Basilea Città era attiva in due lavori a tempo pieno. Per riuscire a seguire entrambi gli impieghi si da...
19.10.2021
Svizzera

Incendio in una casa nel canton Berna, muoiono due bambini

Domenica, verso le 22.40, un incendio è scoppiato in una casa a Leuzigen, nel canton Berna. I servizi di emergenza sono arrivati il più rapidamente possi...
18.10.2021
Svizzera