Sport, 09 aprile 2021

“Ibra ha ucciso un leone e lo sfoggia in casa”

Stando al sito svedese Expressen, l’attaccante del Milan si sarebbe fatto spedire cranio, mascella e pelle

STOCCOLMA (Svezia) – È iniziata la caccia alle streghe nei confronti di Zlatan Ibrahimovic: secondo il sito svedese “Expressen”, l’attaccante del Milan nel 2011 in Sudafrica avrebbe ucciso un leone e si sarebbe fatto poi spedire cranio, mascella e pelle per metterli in mostra nella sua casa di Malmoe.
 
 
Secondo la fonte che viene citata dal sito, che ovviamente ha fatto scalpore in Svezia, i cacciatori svedesi che hanno cercato di portare in patria parti delle carcasse di un animale come trofeso sono stati 82, ma solo Zlatan ci è riuscito. Ricordiamo che la caccia al leone in Sudafrica è legale, a patto che si abbiano i permessi in regola, cosa che Ibra fece all’epoca,
avendo ottenuto la licenza un anno prima.
 
 
Ovviamente, tra i primi a protestare, ecco la Peta, l’organizzazione che si occupa dei diritti degli animali. “A Ibrahimovic piace definirsi un leone, feroce e forte, ma il suo piacere nell’uccidere i leoni e altri animali dimostra che è un miserabile codardo che asseconda le sue tendenze violente. Non ci vuole abilità o forza per mettere all’angolo e sparare a un animale in cattività che non può scappare, reagire o sopravvivere – viene scritto in una nota – Chi ha un po’ di coscienza resta sconvolto dall’idea di uccidere animali per il semplice brivido o per mettere in mostra le loro parti”.

Guarda anche 

“Il mio Lugano? Diverso da quello di Croci Torti”

LUGANO - Dario Rota, dopo aver festeggiato la salvezza del Lugano Under 21, ha già lo sguardo rivolto a Berna, dove domenica si giocherà la finale di C...
28.05.2024
Sport

Lugano, un saluto amaro. Ma ora testa alla Coppa

LUGANO - Il Lugano non “lancia” al meglio la finalissima di Coppa Svizzera in programma domenica prossima a Berna. Non solo perde con...
26.05.2024
Sport

Lugano, sei in Champions! Grazie all’YB…

ZURIGO – Può una sconfitta essere accolta con una festa? Di solito no, ma in questo caso… possiamo fare uno strappo alla regola. Ebbene sì: ier...
21.05.2024
Sport

La Danimarca è campione: e non doveva neppure esserci!

LUGANO - Sono gli Anni delle guerre balcaniche e di Mani Pulite. Ma anche degli attentati mafiosi che costano la vita ai giudici Falcone e Borsellino. La Jugoslavia,...
23.05.2024
Sport

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto