Opinioni, 03 aprile 2021

Asili nido di Lugano: la fake news delle “rette inaccessibili”

Nella società odierna la conciliabilità famiglia lavoro gioca indubbiamente un ruolo importante, poiché permette di mantenere nel mercato del lavoro entrambi i genitori, prevenendo così la povertà.

Al proposito vale la pena ricordare che Lugano è stata la prima città in Ticino ad offrire un servizio extrascolastico comunale (mense, doposcuola, colonie diurne e residenziali) a costi contenuti, con tariffe in base al reddito. Il servizio è presente in modo capillare sul territorio. Con le sue offerte copre praticamente tutto l’arco dell’anno, comprese le vacanze scolastiche. I bambini iscritti sono quasi mille.

La città di Lugano è inoltre proprietaria di 4 nidi d’infanzia, gestiti dall’ente LIS (Lugano Istituti Sociali). Le rette sono calcolate in base al reddito ed all’effettiva frequenza dei bimbi. Al proposito va smentita la fake news, diffusa da alcuni candidati alle prossime elezioni comunali, delle “rette inaccessibili”.

La retta minima è di 21 Fr al giorno per 20 giorni di presenza, che fanno dunque 540 Fr al mese. Vanno però ancora considerati i contributi cantonali, che ammontano a 100 o 200 Fr mensili a seconda della frequenza (a metà tempo o totale). La legge cantonale prevede inoltre un ulteriore sconto del 33% sulla retta mensile qualora la famiglia sia beneficiaria di sussidi di cassa malati. Nel caso di economie domestiche che ricevono l’assegno familiare integrativo (AFI) e/o quello di prima infanzia (API), la copertura della retta è totale (ad eccezione
dei pasti consumati dal bambino, ovvero 2.30 Fr al giorno).

Tradotto in pratica, quanto sopra significa che una famiglia con un reddito disponibile di 45mila Fr annui (che corrisponde ad un reddito lordo di circa 75mila Fr) in uno dei nidi della città di Lugano pagherà, per una frequenza a tempo pieno, una retta inferiore ai 230 Fr al mese. Che su 20 giorni fanno 11.50 Fr al giorno. Mezza giornata di parcheggio in un autosilo del centro costa di più. Farsi campagna elettorale con le rette presunte “inaccessibili” è dunque fuori strada.

Quanto all’offerta complessiva di asili nido presenti sul territorio di Lugano: un’apposita analisi è appena stata ultimata. Va rilevato che la metà dei posti in asilo nido disponibili in tutto il Cantone si trova nel distretto di Lugano. Con l’apertura della nuova Casa anziani e centro polifunzionale di Pregassona in settembre verrà ulteriormente ampliata l’offerta pubblica della città, e un nuovo nido pubblico sarà inserito anche nelle future scuole di Viganello.

Bisogna inoltre ricordare gli importanti incentivi comunali che Lugano distribuisce agli asili nido privati presenti sul territorio, pari a circa 1.8 milioni di Fr all’anno.

Fermo restando che migliorare è sempre possibile, Lugano può essere senz’altro considerata all’avanguardia nella conciliabilità famiglia-lavoro, tra l’altro esplicitamente prevista nelle linee di sviluppo 2018 - 2028.


Lorenzo Quadri
Municipale di Lugano

Guarda anche 

Lovric… tra Juventus e Sassuolo

LUGANO – Manuel Locatelli noi svizzeri ce lo ricordiamo molto bene. È stato lui, nella notte di Roma, a mettere fine ai nostri sogni di gloria nella sfida gi...
20.07.2021
Sport

FCL, Lovric è in partenza In arrivo Hugo Moura

LUGANO - Preoccupazione e ansia in seno al clan bianconero per un mercato che non sembra voler decollare, anche per le difficoltà economiche che costringono i...
18.07.2021
Sport

Buon Lugano. L’Inter (delle riserve) vince ai rigori

LUGANO – L' Inter ha vinto l'amichevole di Cornaredo (5-7 dopo i rigorI) ma il Lugano ha disputato una buona partita soprattutto nel&nbs...
18.07.2021
Sport

Il Lugano «conferma» Josephs: è lui il quarto straniero

LUGANO – Ecco il quarto straniero offensivo del Lugano: Troy Josephs. Non certo un volto nuovo, visto che il centro canadese aveva vestito la maglia bianconera gi&a...
15.07.2021
Sport