Ticino, 01 aprile 2021

Vengono in Ticino per lavorare ma dopo meno di due anni sono già indebitati e in assistenza: espulsi

Una famiglia italiana – padre, madre e figlia – residente in Ticino dal 2016 dovrà tornare in Italia. Anche il Tribunale federale ha infatti confermato la revoca dei loro permessi di dimora, decisa dalla Sezione della popolazione nel 2018 a causa dei loro debiti e della loro dipendenza dall’assistenza pubblica..

A nulla è valsa l’argomentazione dell’uomo, che implorava i giudici di tenere conto della sua “limitata formazione scolastica”. Essi hanno replicato evidenziando che anche una persona poco formata può essere in grado di ritirare una raccomandata e rispondere alle domande delle autorità. Chiedere clemenza perché ignorante “appare al limite del pretestuoso”.

Dalla sentenza pubblicata mercoledì si evince che l’uomo aveva chiesto e ottenuto nel febbraio 2016 un permesso di dimora per svolgere un’attività
indipendente. Pochi mesi dopo era stato raggiunto da moglie e figlia. Nessuno di loro aveva però mai realmente lavorato. Al contrario, la famiglia italiana aveva contratto debiti ed era finita a carico dell’assistenza.

Così, dopo aver svolto vari accertamenti cui la famiglia non aveva in alcun modo collaborato, già nel gennaio 2018 la Sezione della popolazione aveva deciso di revocare i loro permessi di dimora. Il motivo era che nessun membro della famiglia poteva essere considerato un lavoratore ai sensi dell’Accordo di libera circolazione delle persone.

Essi hanno contestato la revoca ricorrendo a tutte le sedi possibili. Ma ora anche il Tribunale federale ha confermato la decisione delle autorità ticinesi. Tutta la famiglia dovrà quindi tornare in Italia, non prima di aver pagato le spese giudiziarie di 2'000 franchi.

Guarda anche 

Espulsi dalla Svizzera i tre giocatori che picchiarono un arbitro

Cartellino rosso per i tre giocatori kosovari del FC Tordoya che nel 2018 aggredirono brutalmente un arbitro, durante una partita di quinta lega al centro sportivo di Eva...
15.04.2021
Svizzera

Tre calciatori rischiano l'espulsione dalla Svizzera per aver picchiato un arbitro

Sarà resa nota domani, giovedì, la sentenza nei confronti di tre cittadini kosovari processati questa settimana a Ginevra per rispondere della brutale aggre...
14.04.2021
Svizzera

Ha spacciato tutta la vita: ora che è in pensione non può tornare dalla moglie in Ticino

Sua moglie vive in Ticino con un permesso C. Lui, appena uscito dal carcere in Italia e fresco di pensionamento, avrebbe voluto tornare da lei. Ma sarà lei a dover...
14.04.2021
Ticino

Rubava auto in Ticino e le rivendeva: condannato ed espulso

Un 30enne rumeno comparso ieri in aula penale a Lugano è stato condannato a 16 mesi di detenzione da espiare e a 5 anni di espulsione dalla Svizzera. L’uo...
10.04.2021
Ticino