Ticino, 01 aprile 2021

Vengono in Ticino per lavorare ma dopo meno di due anni sono già indebitati e in assistenza: espulsi

Una famiglia italiana – padre, madre e figlia – residente in Ticino dal 2016 dovrà tornare in Italia. Anche il Tribunale federale ha infatti confermato la revoca dei loro permessi di dimora, decisa dalla Sezione della popolazione nel 2018 a causa dei loro debiti e della loro dipendenza dall’assistenza pubblica..

A nulla è valsa l’argomentazione dell’uomo, che implorava i giudici di tenere conto della sua “limitata formazione scolastica”. Essi hanno replicato evidenziando che anche una persona poco formata può essere in grado di ritirare una raccomandata e rispondere alle domande delle autorità. Chiedere clemenza perché ignorante “appare al limite del pretestuoso”.

Dalla sentenza pubblicata mercoledì si evince che l’uomo aveva chiesto e ottenuto nel febbraio 2016 un permesso di dimora per svolgere un’attività indipendente. Pochi mesi dopo era stato raggiunto da moglie e figlia. Nessuno di loro aveva però mai realmente lavorato. Al contrario, la famiglia italiana aveva contratto debiti ed era finita a carico dell’assistenza.

Così, dopo aver svolto vari accertamenti cui la famiglia non aveva in alcun modo collaborato, già nel gennaio 2018 la Sezione della popolazione aveva deciso di revocare i loro permessi di dimora. Il motivo era che nessun membro della famiglia poteva essere considerato un lavoratore ai sensi dell’Accordo di libera circolazione delle persone.

Essi hanno contestato la revoca ricorrendo a tutte le sedi possibili. Ma ora anche il Tribunale federale ha confermato la decisione delle autorità ticinesi. Tutta la famiglia dovrà quindi tornare in Italia, non prima di aver pagato le spese giudiziarie di 2'000 franchi.

Guarda anche 

Il sindacato Unia possiede un patrimonio di oltre mezzo miliardo di franchi

Unia, il più grande sindacato svizzero, attivo nei settori dell'industria, della costruzione e dei servizi, finora aveva tenuto segreto il suo patrimonio. Ma o...
13.09.2021
Svizzera

Derubava i clienti FFS mettendo un fazzoletto nel distributore di biglietti

Un cittadino francese residente a Ginevra è riuscito a sottrarre circa 2'000 franchi a clienti delle FFS bloccando l'erogatore del resto dei distributori d...
13.09.2021
Svizzera

Aveva danneggiato antenne radio e veicoli militari, estremista di sinistra dovrà risarcire 250'000 franchi di danni

Un estremista di sinistra di 30 anni arrestato nel gennaio 2019 nel canton Zurigo per aver danneggiato diversi veicoli della polizia e antenne telefoniche è stato ...
05.09.2021
Svizzera

Avvocato tratta i poliziotti di "cow-boy" durante un processo, il TF conferma la condanna

Durante un'udienza nell'aprile 2019, un avvocato vallesano ha perso le staffe trattando gli inquirenti che si sono occupati del suo caso di "cow-boy" ch...
04.09.2021
Svizzera