Sport, 01 aprile 2021

Calcolatrice alla mano: al Lugano basterebbe una vittoria

I bianconeri, perdendo martedì col Losanna in casa, sono al momento quarti, ma un successo contro il Langnau potrebbe significare playoff

LUGANO – C’è una consuetudine, non esattamente esaltante, in casa Lugano che continua a presentarsi in maniera costante dalla seconda trasferta di Berna in poi. Quella di incassare una serie importanti di reti nel terzo centrale. Se contro gli Orsi, nel derby e a Davos i blackout erano costati alla fine soltanto 2 punti – quelli lasciati nella Capitale e nei Grigioni, mentre con l’Ambrì ci avevano pensato Heed e la clamorosa autorete di Trisconi a permettere ai bianconeri di imporsi – martedì contro il Losanna, le 3 reti incamerate nel secondo periodo hanno portato al KO casalingo.
 
 
Per carità, dopo 8 successi consecutivi, una sconfitta non può certo far male o far paura. Così come è altrettanto vero che i vodesi alla Cornèr Arena hanno praticamente fatto la partita su tutto l’arco della sfida, riuscendo a rimontare la rete di Herburger e aggrappandosi, quando necessario, a un superlativo Bolthauser. Ma è anche evidente che il Lugano stia pagando due cose: un po’ di stanchezza accumulata nelle ultime settimane e nelle ultime partite, e l’assenza di Lajunen che, col suo gioco, riusciva a dare equilibrio a tutta la squadra (senza nulla togliere a Josephs che, da quando è arrivato, sta facendo sempre il suo).
 
 
Al momento il Lugano è quarto in classifica, superato proprio dal Losanna per media punti e dal Friborgo (avanti per 0,021 punti). In caso di vittoria questa sera contro il Langnau, la squadra di Pelletier dovrebbe poter staccare il biglietto per i playoff diretti, sempre che la situazione delle quarantene che coinvolge il Bienne non cambi ulteriormente.
 
 
E allora… in attesa di capire come si evolverà la situazione – nella speranza che quelle di Bienne e Berna siano le ultime quarantene di stagione, altrimenti potremmo tranquillamente dire addio ai playoff, incoronando campione svizzero lo Zugo – prepariamoci a prendere in mano la calcolatrice per stilare una classifica più unica che rara nella storia dell’hockey svizzero e… diciamolo… poco corretta. Certo, con la media punti si riesce ad avere un’equità tutto sommata giusta nei confronti di tutte le formazioni, ma è altrettanto vero che formazioni come il Lugano, l’Ambrì o il Berna sono state chiamate a disputare anche 18 partite in 1 mese: alla faccia del riposo e del normale svolgimento della stagione…
 
 
Ma purtroppo, verrebbe da dire… prendere o lasciare. Causa covid, abbiamo dovuto fare di necessità virtù…

Guarda anche 

Lugano e il problema dei “soli” 4 stranieri

LUGANO – Poche settimane prima dell’avvio della stagione, e con la Champions Hockey League che si stava avvicinando, alcuni rumors davano il Lugano sulla stra...
17.09.2021
Sport

Anche col “Crus” il Lugano continua a convincere

LUGANO – “Senza Maric neanche gioco”. Così aveva parlato nella consueta conferenza stampa pre partita Matti Croci-Torti, alla vigilia della sua p...
13.09.2021
Sport

Condannati per una partita di calcio in violazione delle regole covid

Un partecipante ad una partita di calcio, tenutasi il 21 maggio 2020 a Losanna, è stato appena condannato per aver violato le regole anti-covid. In precedenza, alt...
12.09.2021
Svizzera

Festa biancoblù: Kneubühler mette la prima firma

AMBRÌ - Stadio multifunzionale di Quinto: già dalle prime ore del pomeriggio arrivanocuriosi e tifosi. Alle 19.45 inizia una nuova ...
12.09.2021
Sport