Svizzera, 31 marzo 2021

Diversi stati UE contrari a escludere la Svizzera dai programmi di ricerca

La Germania e diversi altri stati dell'UE sono contrari al piano di Bruxelles di impedire a paesi terzi come il Regno Unito, Israele e la Svizzera di partecipare ai programmi di ricerca europei sulle tecnologie quantistiche e spaziali, hanno detto i diplomatici martedì.

Come riporta l'agenzia AFP, questi stati temono che limiterà troppo strettamente i partenariati con i paesi terzi, dicendo che potrebbe ostacolare il progresso di questi programmi in nome del rafforzamento dell'autonomia strategica dell'UE.

La Commissione UE, da parte sua, teme che i frutti della ricerca possa cadere nelle mani degli Stati Uniti o della Cina attraverso le aziende partecipanti, ha detto un diplomatico.

Secondo diverse fonti, la Commissione vorrebbe impedire alla Svizzera di partecipare a progetti di ricerca spaziale, per esempio.

Ma la settimana scorsa la Germania si è fortemente opposta, chiedendo la "piena partecipazione" di Regno Unito, Svizzera e Israele in progetti di ricerca multimiliardari sulle tecnologie quantistiche e spaziali.

"Nelle tecnologie quantistiche in particolare, questi paesi sono stati tradizionalmente partner importanti e dovrebbero rimanere tali in futuro", ha detto il ministro della
ricerca tedesco Thomas Rachel a Science|Business, un sito di notizie specializzato citato da AFP.

Secondo i diplomatici dell'UE e altre fonti vicine alla questione, la decisione di bloccare i paesi non UE è sostenuta da Thierry Breton, il commissario UE per il digitale, lo spazio e la difesa.

"Se sarà questa la visione dell'autonomia strategica del signor Breton, avremo dei problemi", ha commentato un diplomatico europeo.

Contattata da AFP, la Commissione non ha voluto commentare.

Secondo fonti diplomatiche, diversi stati membri hanno espresso la loro opposizione in una riunione la scorsa settimana e la proposta sarà discussa di nuovo in aprile.

Fonti accademiche sostengono che la ricerca europea rischia di darsi la zappa sui piedi terminando queste partnership di lunga data.

L'esclusione di Svizzera, Israele e Regno Unito "non è nell'interesse della comunità di ricerca europea o della società in generale e potrebbe essere dannoso per la cooperazione internazionale", ha detto Thomas Hoffmann, direttore della EuroTech University Alliance, in una lettera al ministro della ricerca del Portogallo, che detiene la presidenza di turno dell'UE.

Guarda anche 

Nicole Bullo: “Anche senza l’HCL noi sempre vincenti”

LUGANO - Otto titoli svizzeri in 17 anni con la maglia del Lugano, oltre 250 presenze in rossocrociato, quattro Olimpiadi e undici Mondiali con un bronzo in ciascuna...
19.04.2021
Sport

Tra vento e rigori… il Lucerna costa 3'000'000 al Lugano

LUGANO – Se il Lugano ha ripreso a volare in campionato, tanto da occupare il terzo posto in classifica, martedì a volare è stato il pallone che, sosp...
15.04.2021
Sport

Passeggiata vallesana: Lugano, ora c’è l’esame Lucerna

MONTHEY – Da una parte c’era una squadra che milita in 2a Lega Interregionale, dall’altra una compagine in lotta per un posto in Europa. Da una parte c&...
08.04.2021
Sport

Niente sconti dal Portogallo: l’U21 saluta l’Europa

LUBIANA (Slovenia) – Dopo la vittoria all’esordio contro l’Inghilterra, forse, ci eravamo illusi di poter sognare e di poter affrontare con serenit&agra...
01.04.2021
Sport