Sport, 30 marzo 2021

Polo Sportivo-MPS = 1-0! Avanti così

Fondamentale passo in avanti quello fatto segnare ieri sera dal Consiglio comunale in merito alla costruzione del nuovo impianto sportivo luganese: in ballo c’è anche la permanenza dell’FCL in Super League

LUGANO – Non è assolutamente passato inosservato il voto espresso ieri sera dal Consiglio comunale che in grande maggioranza ha detto “SÌ” al progetto del nuovo Polo sportivo e degli Eventi di Lugano. Non è passato inosservato perché in ballo, oltre a decine di milioni di franchi, ci sono la storia e la permanenza nelle rispettive categorie di diverse società sportive della città, prima fra tutte l’FC Lugano che, senza un nuovo stadio in regola, sarebbe costretto a dire addio – e chissà per quanto tempo – alla Super League, non per demeriti sportivi, ma per demeriti comunali.
 
 
Senza la delibera firmata ieri sera, la licenza per il club bianconero sarebbe stata praticamente impossibile e di conseguenza anche il futuro economico della società del presidente Renzetti sarebbe stato appeso a un filo. Non per niente lo stesso club, già ieri sera, ha voluto esprimere i propri ringraziamenti e la propria soddisfazione per quanto maturato in seno al Consiglio comunale.
 
 
Ma attenzione a cantar vittoria immediatamente. Perché se l’iter politico si è concluso positivamente, all’orizzonte si profila un’altra battaglia sulla quale potremmo obiettare a lungo. Sì perché l’MPS ha già lanciato il guanto di sfida, annunciando di voler raccogliere 3000 firme in 60 giorni per portare i cittadini di Lugano a votare in merito al Polo Sportivo e degli Eventi. Per carità, si tratta di un’azione legittima e democratica, ma assolutamente pericolosa: rischierebbe di interrompere, anche solo temporaneamente, il processo di costruzione, il che significherebbe mettere a repentaglio il futuro delle società sportive della città (oltre che gettare alle ortiche milioni già spesi per la progettazione).
 
 
In fondo, restando all’FC Lugano, l’ASF è stata chiara: senza stadio, addio alla Super League. E allora ci domandiamo: ma perché interrompere un processo, e un progetto, fondamentale non solo per il club, non solo per tutte le altre società sportive che usufruiranno del palazzettto, ma anche per tutta la città e per il Cantone?

Guarda anche 

Festa Lugano, Ticino in trionfo: il Crus nella storia

BERNA – “Ci credevo dallo scorso 2 settembre. Questo era l’obiettivo”. Parole e musica di Mattia Croci-Torti che ha così commentato ieri la...
16.05.2022
Sport

Lugano, è tutto vero! La Coppa Svizzera è tua!

BERNA – Era il sogno, neanche tanto nascosto, degli ultimi due mesi. Era l’obiettivo che il Lugano, i suoi tifosi e tutto il Canton Ticino avevano messo nel m...
15.05.2022
Sport

ACB raggiunto nei recuperi: la promozione è andata?

BELLINZONA - Adesso si fa davvero dura: il Bellinzona deve accontentarsi del pareggio sul campo della capolista Breitenrain (1-1) e vede così allontanarsi la ...
16.05.2022
Sport

“I nostri anni meravigliosi Malfanti il trascinatore”

LUGANO - Adriano Coduri ha quasi 85 anni e sente gli acciacchi della vita anche se non se ne cura troppo. Risiede sempre a Rancate, il paese in cui è cre...
15.05.2022
Sport