Mondo, 20 febbraio 2021

Condannato a 3 anni di carcere il "Rambo della Foresta Nera"

L'uomo soprannominato il "Rambo della Foresta Nera" è stato condannato venerdì in Germania a tre anni di carcere per aver rubato armi a agenti di polizia, prima di far perdere le sue tracce nei boschi per quasi una settimana.

Yves R., un tedesco di 32 anni, è stato condannato dal tribunale di Offenburg, nel Baden-Württemberg, per possesso illegale di armi, resistenza all'arresto, lesioni personali gravi e presa di ostaggi.

La sua sentenza è leggermente inferiore alla richiesta dell'accusa di tre anni e nove mesi di prigione alla fine del processo durato un mese.

L'uomo era stato arrestato a metà luglio in una foresta vicino al confine francese in possesso di diverse armi dopo una caccia all'uomo che aveva tenuto il paese in sospeso.
Circa 2'500 agenti di polizia, con l'aiuto di telecamere termiche e supportati da elicotteri e cani, erano stati mobilitati per sei giorni, il tempo della sua caccia nella Foresta Nera.

Durante questo periodo, gli asili locali e la piscina all'aperto erano stati chiusi dal comune di Oppenau come misura precauzionale, citando una "situazione pericolosa". Le passeggiate
nella foresta e le attività all'aria aperta erano state vietate e i sorvoli della zona erano stati sospesi.

L'uomo era fuggito nella foresta dopo aver disarmato con successo quattro agenti di polizia. Durante il suo arresto era rimasto leggermente ferito.

All'apertura del suo processo a metà gennaio, l'avvocato del signor R. aveva letto una dichiarazione del suo cliente in cui ammetteva di essere fuggito con le armi dei poliziotti, pur insistendo sul fatto che non aveva alcuna intenzione di nuocere e che aveva semplicemente paura di essere arrestato.

Il suo avvocato aveva contestato l'accusa di sequestro di persona e chiesto una pena sospesa di 18 mesi. Tuttavia, l'accusato aveva una lunga fedina penale. In precedenza era stato condannato per porto illegale di armi, rapina e aggressione con lesioni.

Nel 2010 è stato condannato al carcere dopo aver ferito gravemente un amico con una balestra. La polizia ha trovato materiale pedofilo sul suo cellulare durante un'indagine nel 2019 per possesso di esplosivi. Era senza casa dall'autunno 2019 e si è quindi trasferito nella capanna dove è poi stato finalmente arrestato.

Guarda anche 

Spaccio di droga: espulsi un 54enne, i suoi due figli e suo genero

Il giudice l’ha definita “una piccola azienda famigliare” dedita allo spaccio di droga. Un 54enne italiano, i suoi due figli e il suo genero sono stati ...
19.06.2021
Svizzera

Condannati in 16 a Berna per aver occupato un edificio

Bettina Bochsler, giudice unica del tribunale regionale di Berna-Mittelland, ha condannato oggi 16 persone che nel 2017 occuparono un edificio sulla Effingerstrasse. I 16...
17.06.2021
Svizzera

L'ONU interviene per "Carlos", che però viene condannato comunque

Avrà il tempo di distruggere ancora parecchie celle, il delinquente di origini brasiliane noto come “Carlos”, sebbene si chiami Brian. Ieri si apprende...
17.06.2021
Svizzera

Lugano: due italiani condannati ed espulsi per “la più grande truffa ai crediti Covid”

Un imprenditore e un dentista, entrambi cittadini italiani, sono stati condannati ieri dalla Corte delle assise criminali di Lugano per quella che è stata definita...
17.06.2021
Ticino