Svizzera, 18 febbraio 2021

Divieto di burqa: 10 motivi per votare Sì

Il prossimo 7 marzo saremo chiamati a votare sul divieto di dissimulazione del viso a livello nazionale. Ecco 10 motivi per votare Sì (ce ne sarebbero parecchi di più):

1)  Il tema della votazione è la difesa del  nostro modello di società  dall’avanzata dell’islam politico. Il velo integrale ne è un attributo visibile. L’islam politico è in plateale contraddizione con i valori fondanti del nostro Stato liberale.

2)  Il Ticino nel 2013 ha già approvato il divieto di burqa cantonale, plebiscitandolo con il 65.4% dei voti. Per noi si tratta dunque di confermare quanto già deciso.

3)  Dal 2013 ad oggi la situazione sul fronte dell’estremismo islamico in Svizzera è chiaramente peggiorata. I contrari al divieto di burqa sostengono che, per combattere l’islamismo, bisogna fare “altro”. Ma sono i primi a non voler fare né questo, né “altro”. Si pensi all’ostinato rifiuto di vietare i finanziamenti esteri alle moschee ed ai “centri culturali” islamici.

4)  Il controprogetto all’iniziativa, proposto dalla maggioranza PLR-PPD-PSS alle Camere federali, è inutile e grottesco.

5)  Il divieto di burqa è legittimo, come stabilito nel 2014 da una sentenza della Corte europea dei diritti dell’Uomo (di certo non un covo di beceri razzisti) e non viola la libertà di religione, dal momento che il burqa non risponde al alcuna prescrizione religiosa.

6)  La grande maggioranza dei musulmani svizzeri è contraria al velo integrale. Gli attivisti islamici per i diritti della donna  - prendiamo ad esempio Saïda Keller Messahli, vincitrice nel 2016 del Premio svizzero per i diritti umani – si battono contro il burqa e sostengono il divieto.

7)   I contrari non hanno argomenti. Si limitano ad accusare l’iniziativa e - naturalmente! - gli iniziativisti  di “razzismo”, di “islamofobia”, di “sessismo”, eccetera. Semplicemente, la proposta viene dalla parte politica non gradita alla sinistra.

8)  Le femministe rossoverdi festeggiano i 50 anni del voto alle donne in Svizzera sostenendo il burqa, che costituisce la manifestazione, visibile e pubblica, del rifiuto di riconoscere i diritti della donna. Auguri per la parità di genere!

9)  Proibire il velo integrale non nuoce al turismo. L’entrata in vigore del divieto ticinese non ha fatto diminuire i turisti in arrivo dai paesi arabi.

10)   Il velo islamista integrale è un problema di società: è quindi corretto che venga proibito a livello nazionale. Si ricorda che alle camere federali, quando si trattava di concedere la garanzia costituzionale al divieto di burqa ticinese, i contrari dichiaravano che servivano “regole uniformi per tutta la Svizzera”. Adesso che si vota su queste “regole uniformi”… contrordine compagni! Devono
decidere i Cantoni!

In conclusione, dunque, di motivi per votare no all’iniziativa per il divieto di dissimulare il viso non ce ne sono. Mentre per votare sì ce ne sono a bizzeffe!
Lorenzo Quadri
Consigliere nazionale
Lega dei Ticinesi

Guarda anche 

"È vero che l'Italia ha fatto richiesta di rimandare l'accoltellatore somalo in Svizzera?"

Alla Confederazione risulta che l'Italia ha chiesto alle autorità svizzere di farsi carico dell'accoltellatore somalo che sabato scorso accoltellò c...
16.09.2021
Svizzera

Iniziativa 99%: farlocca già nel nome

Il prossimo 26 settembre saremo chiamati a votare sulla cosiddetta „iniziativa 99%“ . L’iniziativa vorrebbe tassare al 150% i redditi da capitale sopra ...
29.08.2021
Svizzera

Vaccino del personale curante: lo scaricabarile cantonale

Da tempo si dibatte se imporre o meno al personale curante, che lavora a contatto con persone fragili, di vaccinarsi contro il covid. Nelle scorse settimane o mesi, alcun...
25.07.2021
Ticino

"La Svizzera è pronta a un'eventuale ondata di domande di asilo?"

Ci dirigiamo verso una nuova ondata di "caos asilo"? È ciò che teme il Consigliere nazionale Lorenzo Quadri, che oggi ha interpellato il Consiglio...
17.06.2021
Svizzera