Sport, 15 febbraio 2021

Il Lugano resta “di ghiaccio” con l’YB

Nel freddo gelido di Cornaredo ieri non c’è stata proprio storia

LUGANO – Dopo 3 pareggi consecutivi, successivi alla vittoria di rigore di San Gallo, il Lugano ieri si è dovuto arrendere: troppo forte questo YB, troppa la differenza di qualità tra le due squadre. E pensare che a ottobre questa squadra avrebbe davvero potuto giocarsela in quello scontro diretto rinviato a causa della pandemia.
 
Ma tant’è. E il campo ha parlato e ha chiarito, se ancora ce ne fosse bisogno, che quello giallonero è di gran lunga il complesso più forte del campionato – i 16 punti di vantaggio sul Basilea lo testimoniano – e che la truppa di Seoane, quando vuole, può decidere le sorti di un match da un momento all’altro. Esattamente come avvenuto ieri nel gelo di Cornaredo.
 
A Nsame e compagni sono basti 17’, i primi, per decidere la sfida. Tanto ci hanno messo lo stesso attaccante e Meschack a superare per ben 2 volte Baumann, mettendo così in cassaforte quei 3 punti che sembravano, alla vigilia del match, tutt’altro che scontati.
 
E invece i bianconeri hanno dovuto alzare bandiera bianca, superati in campo su tutti i fronti da una corazzata che spesso dà l’impressione di perdere punti soltanto quando non scende in campo con la giusta determinazione. E così il 3-0 di Lauper allo scadere della prima frazione è arrivato come logica conseguenza, mentre l’1-3 di Gerndt è servito soltanto da cosmesi.
 
Ora in casa Lugano c’è bisogno di rialzare la testa, di fare quadrato e di ripartire, per cercare di ottenere quegli obiettivi che nel corso di questa stagione si sono venuti a creare passo passo: non soltanto la salvezza, ma anche quel sogno chiamato Europa.

Guarda anche 

Lugano e il problema dei “soli” 4 stranieri

LUGANO – Poche settimane prima dell’avvio della stagione, e con la Champions Hockey League che si stava avvicinando, alcuni rumors davano il Lugano sulla stra...
17.09.2021
Sport

La Svizzera ringrazia l’YB… e quel rinvio col Lugano ora fa meno discutere

BERNA – Battere Cristiano Ronaldo. Superare il Manchester United. Diventare la seconda squadra contro cui il fenomeno portoghese ha sempre e solo perso in carriera,...
15.09.2021
Sport

In fuga dall’Afghanistan e dai Talebani: la nazionale di calcio femminile trova riparo

ISLAMABAD (Pakistan) – In fuga dall’Afghanistan, in fuga dai talebani. In fuga dalle assurde regole che (tra le tante aberrazioni anche più gravi) viet...
16.09.2021
Sport

Clamoroso: in FIFA 22 non ci sarà la Svizzera!

BERNA – C’è sgomento anche in seno alla Federazione svizzera di calcio: la Nazionale rossocrociata, infatti, sarà una delle squadre che non sara...
14.09.2021
Sport