Svizzera, 09 febbraio 2021

L'ex moglie trovata morta nella vasca da bagno, lui rischia l'ergastolo

Non meno di 250 classatori sono stati necessari per iniziare il processo contro un 50enne di Küsnacht (ZH) accusato di aver ucciso la moglie per intascare la sua assicurazione sulla vita.

"Ogni dettaglio è stato esaminato" ha assicurato il procuratore Alexander Knauss lunedì nella sua arringa finale prima di chiedere l'ergastolo per tentato omicidio, omicidio e frode contro l'imputato.

Fra i numerosi documenti che documentano l'inchiesta, la perizia psichiatrica è stata un fattore decisivo nella decisione del procuratore. Secondo questo esame, l'uomo soffre di un disturbo dissociativo di personalità e tenderebbe a voler dominare l'ambiente circostante e a voler controllare tutto. "Ha una facciata affascinante, gentile e rassicurante. Ma questa facciata cade quando incontra resistenza". In quei momenti, dice l'esperto, "diventa arrogante, insultante".

L'imputato è accusato di aver tentato di uccidere sua moglie alla fine del 2012 a Maiorca, in Spagna. Allora la coppia era in uno stato di agitazione e sua moglie aveva già parlato del suo desiderio di separarsi da lui. Durante la loro vacanza in Spagna, il 50enne ha riferito di essersi reso conto che era in pericolo di perderla, così come il loro figlio. Secondo il procuratore, "aveva paura che avrebbe dovuto pagare una soma onerosa di alimenti in caso di separazione. Come già deve fare per un altro figlio di una prima relazione".

Quindi il manager avrebbe picchiato sua moglie prima di investirla con la sua auto. L'avrebbe poi lasciata gravemente ferita in fondo alla casa estiva prima di chiamare i soccorsi. Quando sono arrivati, ha spiegato che sua moglie era caduta da una finestra dopo aver avuto una crisi epilettica. Gli esperti spagnoli hanno ritenuto plausibile questa versione dei fatti e l'indagine della polizia spagnola è stata chiusa.

Nell'aprile 2014, due anni dopo i fatti di Maiorca e di ritorno in Svizzera, il 50enne aveva chiamato la polizia, segnalando un incidente in un appartamento a Küsnacht (ZH), senza dire altro. Arrivati nell'appartamento dove viveva la donna che nel frattempo era diventata l'ex moglie dell'imputato, gli agenti hanno trovato il corpo senza vita della donna nella vasca da bagno. Ancora una volta, l'uomo era riuscito a farlo sembrare un incidente dovuto a un attacco epilettico. Perlomeno all'inizio.

Il caso è stato finalmente risolto dal tribunale di Zurigo grazie alla tenacia di un impiegato dell'assicurazione. Sospettando una frode da parte dell'imputato, evidentemente desideroso di intascare il mezzo milione di franchi dell'assicurazione sulla vita della sua ex moglie, l'impiegato chiese una perizia indipendente. Grazie a questo, il caso è stato nuovamente portato in tribunale.

Alla fine dell'udienza, il procuratore Alexander Knauss ha sottolineato: "L'accusato non aveva un alibi per il momento del crimine e aveva accesso all'appartamento. Le ustioni sul corpo della vittima sono state causate dall'intervento di una terza persona e sono state provocate prima che la donna fosse nella vasca da bagno". L'imputato avrebbe prima ustionato la sua ex moglie mentre era seduta su una sedia prima di annegarla nella vasca da bagno, facendolo sembrare un tragico incidente dovuta a una crisi epilettica.

Il processo del 50enne, accusato di tentato omicidio, omicidio e frode, durerà sei giorni. Per il momento, l'imputato nega le accuse contro di lui.

Guarda anche 

Pesanti condanne per un caso di corruzione alla SECO, "il più grave da decenni nella storia svizzera"

Per quindici giorni il Tribunale penale federale di Bellinzona nel mese di agosto si è occupato di uno dei più grandi casi di corruzione nella storia del...
19.09.2021
Svizzera

Anziana finisce in ospedale dopo essere stata avvelenata, due dipendenti di una casa per anziani a processo

È una vicenda degna di un romanzo giallo quella avvenuta in una casa per anziani di Laufen (BL) nel 2018. Una ex dipendente è sotto processo al tribunale...
08.09.2021
Svizzera

Aveva danneggiato antenne radio e veicoli militari, estremista di sinistra dovrà risarcire 250'000 franchi di danni

Un estremista di sinistra di 30 anni arrestato nel gennaio 2019 nel canton Zurigo per aver danneggiato diversi veicoli della polizia e antenne telefoniche è stato ...
05.09.2021
Svizzera

Zugo e Zurigo in pole position. E attenzione ai biancoblù

LUGANO - Il campionato di National League batte ormai alle porte. In settimana comincia la regular season, come al solito retta da un calendario assurdo per non dire...
06.09.2021
Sport